Avvenire di Calabria

Cosa cambia con il nuovo decreto

Covid-19. Da mercoledì coprifuoco dalle 23, sarà abolito il 21 giugno

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Via libera alle riaperture e graduale abolizione del coprifuoco. È quanto emerge dalla cabina di regia di palazzo Chigi.
Nello specifico: coprifuoco in zona gialla dalle 23 a partire da subito (entrata in vigore del dl); dalle 24 a partire dal 7 giugnoSuperamento totale del coprifuoco dal 21 giugno.

Dal primo giugno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna saranno zona biancaDal 7 giugno anche Abruzzo, Veneto e Liguria. Nelle regioni in zona bianca valgono solo le regole di comportamento (mascherina, distanziamenti). Non c’è coprifuoco. È quanto emerge dalla cabina di regia convocata a palazzo Chigi.

Per la ristorazione “riaperture già programmatedal primo giugno sarà consentito anche al chiuso il consumo al tavolo dalle 5 alle 18. Proposta in ingresso in Cdm: riapertura ristoranti al chiuso anche la sera dal 1 giugno”.

Anticipare la riapertura delle palestre dall’1 giugno al 24 maggio. È quanto emerge dalla cabina di regia convocata a palazzo Chigi: una proposta che sarà ora sottoposta al Consiglio dei ministri. Restano confermate le riaperture a partire dal primo luglio di piscine al chiuso e centri benessere.

Gli impianti sciistici riapriranno dal 22 maggio alle condizioni indicate dalle linee guida.

Esercizi commerciali in mercati e centri commerciali, gallerie e parchi commerciali nelle giornate festive e prefestive riapriranno dal 22 maggio, il primo weekend successivo al dl.

La presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive dal primo giugno all’aperto e dal primo luglio al chiuso nei limiti già fissati (capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a 1000 persone all’aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

La riapertura di attività di parchi tematici e di divertimento è anticipata al 15 giugno.

Le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò riapriranno dal 1 luglio.

Le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi riapriranno dall’1 luglio.

corsi di formazione pubblici e privati potranno riprendere in presenza dal 1° luglio.

Le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso restano sospese. È quanto emerge dalla cabina di regia convocata a palazzo Chigi.

Le feste, comprese quelle dopo cerimonie civili e religiose saranno consentite dal 15 giugno, anche al chiuso. Agli ospiti sarà richiesto il pass.

Agenzia DiRE

Articoli Correlati

Covid-19, 20 casi accertati in Calabria

Emergenza Covid-19. Nessun decesso in Calabria nelle ultime 24 ore. L’ultimo bollettino della Regione parla di 20 casi accertati, ma i tamponi processati sono meno di mille.

Reggio Calabria, presentati gli eventi estivi

Reggio Calabria. «Sarà un’estate ricca di eventi». Ad affermarlo il sindaco Giuseppe Falcomtà, l’assessore al turismo Rosanna Scopelliti e il delegato ai grandi eventi Mario Cardia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.