avveniredicalabria

«Il lavoro in campagna risulta essere più sicuro perché garantisce il rispetto delle distanze»

Covid, Coldiretti: solo lo 0,3% dei contagi colpisce le campagne

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Filippo Passantino* - "Appena lo 0,3% dei contagi colpisce le campagne dove l’agricoltore si classifica come il mestiere più sicuro per proteggersi dalla diffusione della pandemia". Lo afferma la Coldiretti sulla base delle denunce complessive di infortunio legate al Covid-19 alla data dello scorso 31 gennaio registrate dall’Inail, che evidenzia come "la percentuale più bassa di contagi tra le diverse attività si sia verificata proprio in agricoltura".

"Il lavoro in campagna risulta essere più sicuro perché garantisce il rispetto delle distanze ma anche perché – sottolinea l'associazione - sono state adottate le adeguate misure di protezione dei lavoratori". Un risultato che, secondo la Coldiretti, è "significativo" anche per i 24mila agriturismi presenti in Italia, spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto. "Sono forse – conclude la Coldiretti – i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. Sostenere il turismo in campagna significa evitare il pericoloso rischio di affollamenti nelle città".

*Agensir

Articoli Correlati

Covid: tornano gli «orti di guerra» per 4 italiani su 10

Si coltivano frutta e verdura in giardini, terrazzi e orti urbani spinti dalla crisi economica ma anche dalla voglia di trascorrere più tempo all’aperto dopo le lunghe settimane di lockdown e misure di restrizione contro la pandemia.

Covid: il green pass vale 11,2 miliardi di turismo estivo

L’assenza di stranieri in Italia grava sull’ospitalità turistica nelle mete più gettonate che risentono notevolmente della loro mancanza anche perché – sottolinea la Coldiretti – i visitatori da paesi europei hanno un’elevata capacità di spesa.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.