Avvenire di Calabria

I militari hanno fatto alcune collette per venire incontro alle necessità di tanti, in collaborazione con la parrocchia di Santa Maria di Porto Salvo

Covid:19: i Carabinieri di Gallico fanno la spesa per le famiglie

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nei giorni scorsi contestualmente a questo periodo di emergenza sanitaria, che ha comportato anche difficoltà economiche per le famiglie meno abbienti, l’Arma cittadina ha percepito lo stato di necessità di alcune famiglie, sull’orlo della disperazione, che non riuscivano più a garantirsi i beni di prima necessità per la sopravvivenza.

In questo contesto i militari della Stazione Carabinieri di Gallico, spinti dalla voglia di aiutare il prossimo e dimostrare ancor più la vicinanza delle istituzioni e dell’Arma in particolare, hanno deciso di effettuare delle collette tra di loro per poter provvedere all’acquisto di generi alimentari da distribuire agli indigenti. La vicinanza con la locale parrocchia di Santa Maria di Porto Salvo di Gallico Marina gli ha consentito di apprendere di iniziative analoghe.

Così negli scorsi fine settimana, dopo aver acquistato generi alimentari basilari (es. pasta, olio, latte, sale zucchero etc.), insieme al parroco, hanno provveduto a distribuire generi di prima necessità a circa 50 famiglie. L’iniziativa si è ripetuta nella giornata di sabato, quando circa 90 famiglie si sono recate presso la parrocchia di Gallico Marina ed alla presenza dei militari della locale Stazione Carabinieri hanno ricevuto generi alimentari che i militari avevano contribuito a comprare con la loro spontanea donazione. In talune occasioni i Carabinieri si sono fatti anche carico di portare “la spesa” a chi non era in condizione di potersi recare autonomamente in Parrocchia.

Articoli Correlati

Covid-19, 20 casi accertati in Calabria

Emergenza Covid-19. Nessun decesso in Calabria nelle ultime 24 ore. L’ultimo bollettino della Regione parla di 20 casi accertati, ma i tamponi processati sono meno di mille.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.