Avvenire di Calabria

L'operazione condotta dal comando della Guardia di Finanza pitagorica

Crotone, 32 finti braccianti: truffa alle casse dell’Inps

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Guardia di Finanza di Crotone ha scoperto l’ennesima truffa ai danni dell’INPS perpetrata da un’azienda agricola crotonese, mediante la fittizia assunzione di lavoratori inesistenti. Le minuziose indagini svolte dalle Fiamme Gialle pitagoriche hanno consentito di accertare che l’azienda non disponeva effettivamente di strutture e terreni, indicati fittiziamente sulle domande di assunzione al solo scopo di giustificare il fabbisogno di manodopera. Tale meccanismo fraudolento ha consentito ai falsi lavoratori di beneficiare indebitamente di indennità varie erogate dall’INPS (disoccupazione, malattia, maternità) per oltre 130.000 euro, nonché della falsa costituzione di contributi utili ai fini pensionistici. A conclusione dell’attività operativa sono stati puntualmente disconosciuti sia i rapporti di lavoro, sia le connesse prestazioni previdenziali di cui hanno beneficiato i falsi lavoratori. Deferiti all’Autorità Giudiziaria il titolare dell’impresa, il consulente del lavoro dell’azienda stessa – responsabile dell’inoltro per via telematica delle false domande di assunzione – nonché 32 “falsi” lavoratori, in concorso coi predetti, per il reato di truffa aggravata finalizzata al conseguimento di indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali.

Articoli Correlati

Diocesi: Crotone, domani terzo appuntamento del seminario di studio sul fenomeno migratorio

La Consulta delle aggregazioni laicali e l’Ufficio di pastorale migratoria-Migrantes dell’arcidiocesi di Crotone-Santa Severina organizza per domani, venerdì 10 novembre, alle 18 nella sala S. Agostino della parrocchia di S. Rita in Crotone, il terzo appuntamento del seminario di studio e formazione relativo al fenomeno delle migrazioni, “Liberi di partire. Liberi di arrivare!?”, avviato a […]