Avvenire di Calabria

L'iniziativa, ancora una volta, è stata promossa dal Questore di Reggio Calabria

Daspo urbani, ancora provvedimenti sulla prostituzione di strada

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ieri, il Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, ha emesso 3 provvedimenti di D.A.SPO. Urbano. I destinatari dei provvedimenti amministrativi sono prostitute straniere che esercitano il meretricio nelle zone della città interessate al fenomeno. Sono questi i provvedimenti adottati dal Questore, Raffaele Grassi, emessi per contrastare la prostituzione su strada, in ossequio alle indicazioni normative contenute nel recente Decreto c. d. “Minniti”, la cui applicazione consente di coniugare profili di sicurezza pubblica e di sicurezza urbana. Questa è la strada percorsa dalla Polizia di Stato per arginare un fenomeno, il cui sfruttamento genera entrate indebite per la criminalità che ne gestisce i proventi illeciti. In qualità di Autorità Provinciale di P.S., il Questore, infatti, può emettere divieti di accesso in determinate aree quando i destinatari non ottemperino all’ordine di allontanamento intimato e la loro presenza intralci la fruizione di infrastrutture pubbliche, costituendo pericolo per la sicurezza pubblica. Intanto, tutte le aree interessate dal fenomeno della prostituzione su strada saranno oggetto di attenti controlli e, in condizioni di legge, saranno emessi altri D.A.SPO. Urbani. L’inosservanza al D.A.SPO costituisce reato e, come tale, sarà investita l’Autorità Giudiziaria.

Articoli Correlati

Maxi risse tra giovani nel reggino: emessi 21 provvedimenti

Gli episodi si sono verificati nei mesi scorsi a Gioia Tauro e a Campo Calabro. I gruppi, per lo più di minorenni, si sono dati appuntamento attraverso i social network, incontrandosi senza alcun rispetto delle norme in materia di assembramenti

Tratta di persone: pubblicato un manuale sull’integrazione

Oltre 40 milioni di persone sono vittime di tratta nel mondo, equamente divise fra traffici per lo sfruttamento lavorativo (53%) e traffici per sfruttamento sessuale (43%). In Europa il 66% delle vittime di tratta identificate sono donne,

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.