Avvenire di Calabria

Sabato la celebrazione nella Basilica Cattedrale di Reggio Calabria alla presenza del clero diocesano

Diocesi in festa, don Antonio Ielo è stato ordinato sacerdote

Monsignor Fiorini Morosini: «Gesù educa al vero ed autentico discepolato sulla stessa strada che lui percorre»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sabato 29 giugno, nel giorno dei santi Pietro e Paolo presso la Basilica Cattedrale, don Antonio Giuseppe Ielo è stato ordinato sacerdote. A imporre le mani e recitare la preghiera consacratoria è stato monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, pastore della Chiesa reggina che ha accompagnato, lungo il cammino di formazione al Seminario arcivescovile "Pio XI", Antonio Ielo assieme alle equipe formativa, guidata dal Rettore, monsignor Salvatore Santoro.

«Quale Gesù noi dobbiamo seguire? Quale Gesù vuoi seguire, caro Antonio? - ha detto l'arcivescovo Morosini durante l'omelio - quel Gesù che con determinazione si avvia e cammina verso Gerusalemme, il luogo teologico del compimento della sua opera di salvezza. Il Vangelo, poi, introduce l’incontro con l’espressione: strada facendo, nel senso che Gesù educa al vero ed autentico discepolato i suoi sulla stessa strada che lui percorre verso Gerusalemme».

Il presule ha poi proseguito: «La fedeltà alla sequela esige allora combattimento spirituale, che tu devi affrontare con le armi che Gesù ci ha fornito: preghiera e digiuno, quest’ultimo inteso come fuga da ogni velleità mondana. Bisogna fuggire mentalità e modi mondani, se vuoi realizzare una sequela perfetta».

Infine, l'augurio dell'arcivescovo al neo-sacerdote: «Sii grato al Signore per il dono che ricevi e sii sempre felice nel seguirlo.Chiedi al Signore il dono di altre vocazioni. A tutti voi cari fratelli nel sacerdozio - ha concluso Morosini - l’invito ad accogliere con amore Antonio nel presbiterio e ad aiutarlo e a sorreggerlo nei primi passi del suo ministero, che gli auguriamo fecondo di ogni bene».

Ieri, 30 giugno, don Antonio ha presieduto la prima Celebrazione eucaristica presso la parrocchia "Sant'Antonio di Padova", comunità d'origine del neo-sacerdote.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»