Avvenire di Calabria

«Nel silenzio dell’opinione pubblica sono abbandonati al loro disagio sociale e sanitario»

Disabili psichici: interviene Previte di “Cristiani per vivere"

La mancanza di strutture adeguate genera disagi costanti

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riportato da Agenzia Sir

«I disabili fisici, specialmente gli handicappati psichici» sono «dimenticati nel silenzio delle Istituzioni, abbandonati al loro disagio sociale e sanitario, scaricati sulle spalle delle famiglie». Lo afferma Franco Previte, presidente dell’associazione “Cristiani per servire”, in una nota nella quale sottolinea che «la patologia mentale, tanta bistrattata, è di una gravità intensa, perché colpisce a vari livelli, dalla depressione – primo disordine funzionale della persona – alla schizofrenia, fino alle patologie più gravi».

«È un ‘fenomeno’ che negli ultimi tempi ha colpito con sempre maggior incidenza anche i giovanissimi» e che è costituito «da una serie di patologie, che restano troppo spesso avvolte nel silenzio dell’opinione pubblica, delle Istituzioni e anche del mondo medico». «Di fronte a numerosi episodi di violenza efferata», Previte invita a riconoscere «la drammatica carenza di strutture volte alla prevenzione e cura del disagio mentale». «Anche il nostro Paese non fa eccezioni – aggiunge – specie là dove le Istituzioni non trovano il ‘tempo’ per ridurre o annullare questo grave e urgente disagio sociale, lasciando i ‘malati’ in carico alle famiglie, dimenticando, soprattutto, la sicurezza dei cittadini».

«La cosa ancor più grave, non ritenuta tale dalle nostre Istituzioni – prosegue Previte -, è che di fronte a disagi e sofferenze dei cittadini affetti da handicap mentale, assistiamo a tentativi di introdurre eutanasia, applicazione dell’aborto selettivo, sterilizzazione, limitazione delle nascite». «Tutte ‘metodologie’ che offendono la dignità della persona e negano il diritto alla vita”. “Così non si combatte contro la malattia – conclude – ma si discriminano, per non dire si eliminano, disabili fisici, handicappati psichici, anziani non autosufficienti, malati terminali».

Articoli Correlati