Avvenire di Calabria

Per un triennio la copia dell’Icona della Madonna del Pilerio sarà portata in pellegrinaggio in tutte le parrocchie dell’arcidiocesi di Cosenza-Bisignano

Domani inizierà la peregrinatio della Madonna del Pilerio

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per un triennio la copia dell’Icona della Madonna del Pilerio sarà portata in pellegrinaggio in tutte le parrocchie dell’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano. L’iniziativa pastorale è strettamente collegata al trentesimo anniversario di patronato sulla Chiesa cosentino-bisignanese appena celebrato e si configura come percorso di avvicinamento all’VIII centenario della Cattedrale di Cosenza consacrata nel 1222.

Si comincia con la forania delle Serre e dal Santuario caro ai cosentini, quello della Madonna della Catena, il cui culto mariano ha sostenuto e alimentato la devozione e l’attaccamento alla Madre di Dio per moltissimi anni.

E’ stato approntato un apposito calendario per gli spostamenti della sacra effige, strumenti di preghiera e di animazione ed ogni comunità preparerà i momenti parrocchiali. Alle 19.30 di sabato 12 gennaio la parrocchia dipignanese curata dai padri passionisti accoglierà nel corso di un solenne Vespro l’Icona della Vergine insieme a tutti sacerdoti della forania. L’immagine resterà esposta fino a domenica 20 gennaio da dove muoverà per l’altra parrocchia di Dipignano.

Per l’importante e storica occasione monsignor Francesco Nolè, Arcivescovo Metropolita di Cosenza-Bisignano ha scritto a tutti i fedeli un messaggio sul senso di questa speciale visita.

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.