Avvenire di Calabria

L'annuncio del ministro delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli presente oggi in Calabria

È ufficiale, a Reggio arriva l’alta velocità

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli ha annunciato che l’alta velocità Reggio Calabria-Salerno si farà. Lo ha fatto stamane in Calabria, a Francavilla Marittima nel cosentino, dove ha preso parte all’inaugurazione dei lavori del terzo megalotto della strada statale 106 Jonica, nel tratto tra Roseto Capo Spulico e Sibari.
Presenti alla cerimonia anche il presidente della Regione Calabria Jole Santelli, Pietro Salini, amministratore delegato Webuild; Massimo Simonini ad Anas; il viceministro Giancarlo Cancelleri; l’assessore Gianluca Gallo e il presidente della provincia di Cosenza Franco Iacucci.
Una novità importante per il territorio, a cui si aggiunge quella relativa ai nuovi treni veloci tra Reggio e Torino. Sembrerebbe farsi sempre più concreta la possibilità già prospettata dall'Associazione Ferrovie della Calabria, dell'arrivo di Italo in Calabria
«Il servizio - si legge in una nota dell'Associazione - che sarà preceduto nelle prossime settimane da svariate corse per l'abilitazione del personale, sará composto da una coppia di treni sull'itinerario Torino Porta Nuova - Reggio Calabria C.le lungo la dorsale Alta Velocità, collegando così velocemente centri come Torino, Milano, Bologna, Firenze e Roma alla nostra Regione, favorendo tanto la mobilità dei nostri fuorisede, quanto l'accessibilità a livello nazionale del nostro settore turistico, mai come quest'anno bisognoso di un supporto concreto alla sua ripresa».
Buone nuove per il settore dei trasporti calabrese, in un periodo particolarmente difficile dal punto di vista non solo sanitario ma anche economico e sociale.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»