Esondazione Crati. Satriano: «Abusivismo spadroneggia» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Ieri l’arcivescovo, monsignor Giuseppe Satriano, si è recato sul posto per celebrare una messa di ringraziamento al Signore per le vite umane salvate

Esondazione Crati. Satriano: «Abusivismo spadroneggia»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La Chiesa di Rossano-Cariati sta seguendo l’evolversi della situazione delle famiglie, vittime dell’esondazione del fiume Crati che ha colpito la località di Thurio, attraverso la presenza fattiva del parroco, don Cosimo Galizia, e della Caritas diocesana guidata da don Stefano Aita”. Lo annuncia l’arcidiocesi con una nota. Ieri l’arcivescovo, mons. Giuseppe Satriano, si è recato sul posto per celebrare una messa di ringraziamento al Signore per le vite umane salvate, al termine della quale, ha visitato i primi caseggiati colpiti dalla esondazione. Il presule ha “preso contatto con la disperazione delle famiglie maggiormente danneggiate” e ha affermato che “è triste dover constatare come la storia si ripeta: una storia di miseria, di povertà ma soprattutto di mancanza di dignità per questa terra”. “L’esondazione del Crati, di alcuni giorni fa, segna in maniera drammatica, ancora una volta, i cuori e le storie delle famiglie coinvolte che hanno perso tutto, vedendo infrangersi nel fango le speranze e le fatiche di una vita”. Poi, l’arcivescovo ha evidenziato come “il fango fuoriuscito dal letto del fiume, nella zona di Thurio, è una ulteriore denuncia di un sistema pervasivo e iniquo che ancora caratterizza la nostra terra di Calabria, dove non sembra esserci ascolto nei confronti delle preoccupazioni e delle denunce dei cittadini e dove, abusivismo e malaffare, continuano a spadroneggiare”. L’auspicio del presule è che “le lacrime e la disperazione del cuore trovino una risposta significativa e certa nell’intervento delle istituzioni e di quanti possono e debbono adoperarsi per sostenere questo delicato momento”.

Articoli Correlati

Rossano, don Maurizio Aloise: «Già sento il vostro sostegno»

Il nuovo presule, 52 anni, è originario di Catanzaro. Fissate le date per l’ordinazione, il 13 maggio a Squillace, e per l’ingresso in diocesi previsto il 12 giugno. Auspica attenzione alla «confinante eparchia di Lungro, perla bizantina in Calabria»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.