Avvenire di Calabria

Festa dei Popoli, appuntamento che rimane sempre attuale

«Apriamo orizzonti»: è bello celebrare con questo sguardo di apertura universale

Bruno Mioli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Apriamo orizzonti» è lo slogan, l’emblema, della Festa dei Popoli che oggi, 13 maggio, si celebra ormai per tradizione in piazza Sant’Agostino; con una variante quest’anno, perché i Sikh, im- ponente gruppo etnico dell’India, avevano già concordato di celebrarla a livello nazionale, la domenica precedente proprio nella stessa piazza del centro storico di Reggio Calabria.

E così il 6 maggio, già in tarda mattinata, la piazza ha cominciato ad essere invasa da una massa di indiani del Punjab nel loro sgargiante abbigliamento variopinto e col loro altrettanto variopinto turbante. Una trentina di loro connazionali è scesa da Brescia in “alta uniforme” di denso colore azzurro, attraversato da cinture di bianco candido, e per le primissime ore del pomeriggio questo gruppo ha intrattenuto i connazionali e gli altri immigrati misti a italiani che nel frattempo erano giunti in piazza.
 
«Stento a credere ai miei occhi – mi confida un caro amico – che questa gente venuta da lontano abbia tanta voglia di incontrarsi, di sbracciarsi, di cantare, danzare e declamare quasi dimenticando le mille disavventure affrontate nell’attraversare prima il deserto, poi il “Mare nostrum”, per approdare sulle nostre coste, in particolare al nostro porto di Reggio». Già, Reggio sarà ricordata, non meno di altre città costiere della Sicilia, come la città degli sbarchi. E per i cittadini di Reggio, è una specie di dovere morale conservare il ricordo di quanto accaduto: dall’estate 2013 sono oltre sessanta gli sbarchi nella banchina del porto reggino. In quell’estate operatori Caritas, Migrantes e di altre realtà ecclesiali, appena hanno avuto notizia che era approdata al nostro porto una nave della Marina militare con un carico umano di diverse centinaia di profughi in fuga dall’altra sponda del Mediterraneo, subito si sono precipitati al porto con una grande quantità di coperte, di calzature e indumenti vari nonché di panini, paste e bibite varie, ma soprattutto con strette di mano, calorosi welcome e larghi sorrisi, ossia col linguaggio dell’accoglienza e della fraternità.
 
«Apriamo orizzonti», dunque: è bello, gratificante celebrare quest’anno la Festa dei Popoli con questo sguardo di apertura universale. Certo non si potrà dare un tetto, un pane, un domani a quanti potrebbero bussare alla nostra frontiera, possiamo la comunitò reggina può e deve aprire mente, cuore e, fin quanto è possibile, anche le braccia a quanti ricordano che anche gli italiani, sono stati e sono tuttora un popolo di migranti. «Ricordati, Israele, che anche tu sei stato straniero», è il monito della Bibbia, che oggi si attualizza così: «Ricordati, italiano; ricordati, calabrese di Reggio, che anche tu sei stato e continui ad essere migrante».

Articoli Correlati

Settimana contro ogni razzismo: le iniziative nelle scuole

Il Moci ha organizzato alcuni incontri e proposto un Concorso scolastico Interculturale, al fine di coinvolgere le giovani generazioni sui valori del dialogo interculturale e di promuovere attività di sensibilizzazione e di informazione.

Ite Piria, il podcast contro i pregiudizi e le disuguaglianze

“Profumi e atmosfere di un Natale multietnico” parla di integrazione. Sei voci, sei storie differenti si raccontano e ci guidano in una riflessione su cosa vuol dire vivere il Natale per chi è cattolico e per chi non lo è ma vive in Italia

Storie di accoglienza, l’avvocato congolese che aiuta gli ultimi

Valentin Munanga è arrivato dal Congo nel 1994 e si è stabilizzato a Reggio Calabria. È testimone dell’integrazione che si respira in riva allo Stretto: “Sono contento di offrire il mio servizio in questo Centro, ci fa sentire tutti membri dell’unica famiglia”.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.