Avvenire di Calabria

Gli artifici finanziari sarebbero stati effettuati grazie alla collaborazione della Banca Widiba

Fincalabra, fondi europei giocati in borsa? Indaga la Finanza

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Indagati i vertici di Fincalabra, ente in house della Regione Calabria istituito a sostegno del sistema produttivo regionale, e della Banca Widiba (Gruppo Monte dei Paschi di Siena). Avrebbero distratto fondi comunitari, tra l'agosto e il novembre 2015.
Secondo l’accusa avrebbero indebitamente utilizzato l’ingente somma (quasi 46 milioni) per l’acquisto di variegati strumenti finanziari sia nazionali che esteri, connotati da altissimo rischio e volatilità, provocando in tal modo un ammanco nelle casse regionali di quasi 2 milioni di euro.
Gli accertamenti della Guardia di Finanza riguardano le posizioni di Luca Mannarino, presidente pro-tempore di Fincalabra, gli ex-consiglieri di amministrazione Pio Turano e Martino Marcello e i dirigenti di Banca Widiba, Francesco Candelieri e Mario Galassini.

Articoli Correlati

Calabria, 10 milioni in arrivo per la cultura

La Regione mette in campo 10 milioni di euro per sostenere la cultura calabrese. Per il vicepresidente Princi: «iniziano da qui il rafforzamento e la riorganizzazione del settore».