Avvenire di Calabria

Ad eleggerlo a larga maggioranza il Consiglio Compito di Stato nella Villa Magistrale, una delle due sedi istituzionali dell'Ordine di Malta

Fra’ Marco Luzzago nuovo Luogotenente di Gran Maestro

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Daniele Rocchi* - Fra’ Marco Luzzago è il nuovo Luogotenente di Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta. Ad eleggerlo a larga maggioranza il Consiglio Compito di Stato, l’organismo elettivo, riunitosi il 7 e 8 novembre a Roma nella Villa Magistrale, una delle due sedi istituzionali dell’Ordine di Malta. Sono stati 44 i partecipanti al Consiglio Compito di Stato sui 56 aventi diritto al voto, riferisce l’Ordine, arrivati da Argentina, Perù, Stati Uniti, Libano, Francia, Svezia, Austria, Germania, Olanda, Spagna, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Svizzera, Malta oltre che dall’Italia.

Il neoeletto ha prestato giuramento ieri pomeriggio davanti ai membri del Consiglio Compito di Stato e al Delegato Speciale del Papa, il cardinale eletto Silvano Maria Tomasi. Fra’ Marco Luzzago succede a Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, Principe e 80° Gran Maestro, deceduto lo scorso 29 aprile. Papa Francesco è stato informato tramite una lettera dell’elezione. Successivamente, sono stati informati tutti i Gran Priorati, i Sotto Priorati e le Associazioni Nazionali dell’Ordine di Malta nel mondo, insieme ai 110 Stati con i quali il Sovrano Ordine di Malta intrattiene relazioni diplomatiche. Il Luogotenente di Gran Maestro – che resterà in carica un anno – rivolgendosi ai membri del Consiglio Compito di Stato ha ribadito “massimo impegno per affrontare le sfide che ci attendono nei prossimi mesi. In primo luogo, la riforma della Carta Costituzionale e del Codice”.

*Agensir

Articoli Correlati

Raffaello: un documentario a 500 anni dalla morte

Ad aprire le porte di questi luoghi al visitatore virtuale monsignor Andrea Lonardo, direttore dell’Ufficio per la cultura e università, narratore e guida tra i vicoli, le chiese e i palazzi della città eterna insieme ad ospiti d’eccezione

L’ordine che non c’è

Tutti contenti, dunque? In realtà la vicenda conclusasi ieri, dopo un tira e molla di quasi una settimana e una genesi ben più lunga (visto e considerato che l’occupazione del palazzo dove finora gli esuli dalle ex colonie italiane del Corno d’Africa “risiedevano” data al 2013), lascia in molti modi l’amaro in bocca.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.