Avvenire di Calabria

In uscita il libro “Perché l’Europa ci salverà. Dialoghi al tempo della pandemia”, scritto con Chiara Tintori

Il 3 dicembre uscirà il "testamento civile" di padre Sorge

Gianni Borsa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una sorta di “testamento civile” di padre Bartolomeo Sorge che dialoga con Chiara Tintori sui temi scottanti dell’attualità socio-politica che si sono intrecciati con l’emergenza sanitaria mondiale. Così le Edizioni Terra Santa presentano, in anteprima, il volume “Perché l’Europa ci salverà. Dialoghi al tempo della pandemia”, scritto a quattro mani da padre Sorge e Chiara Tintori; i testi furono consegnati all’editore a fine ottobre, pochi giorni prima della scomparsa del gesuita, scrittore, politologo, giornalista, tra le voci più autorevoli del cattolicesimo italiano del secondo dopoguerra. Il volume vedrà la luce il prossimo 3 dicembre. «La pandemia ha smascherato l’inganno dell’individualismo e ha clamorosamente smentito le diverse forme di populismo e di sovranismo. Allo stesso tempo, nei mesi dell’emergenza, l’Unione europea – è la tesi sostenuta dai due autori – ha fatto passi da gigante sulla strada di una visione comune del continente fondata sui valori di un nuovo umanesimo».
Nessuno può salvarsi da solo: ecco perché sarà l’Europa a salvarci. «Per ricostruire un’Italia che abbia a cuore il bene comune – e non solo il benessere o la salute di molti – non possiamo che guardare a una Unione europea dove l’ispirazione etica, la solidarietà e la fraternità divengano fondamenta del nostro vivere insieme». In questo libro si parla inoltre del rapporto con la pandemia e le restrizioni della vita quotidiana; le diverse forme di razzismo che “inquinano” il vivere civile; gli enigmi della politica italiana, messa alla prova dagli stringenti bisogni dettati dalla crisi; la Chiesa di Papa Francesco.

Articoli Correlati

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

San Pantaleone compare sia nel gruppo greco dei medici «anargiri» sia nel gruppo occidentale dei Quattordici Intercessori. Un santo che “unisce” la Laguna veneziana all’Area grecanica reggina. Scopri perché.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.