Avvenire di Calabria

Nato a Catanzaro è stato avvocato, magistrato, dirigente della pubblica amministrazione e politico

Il calabrese Antonio Catricalà trovato morto, ipotesi suicidio

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Antonio Catricalà, ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, è stato trovato morto nella sua abitazione a Roma, nel quartiere Parioli. Catricalà, secondo quanto si apprende da fonti investigative, si sarebbe suicidato sparandosi un colpo di pistola. Sul posto è presente la Polizia e la Scientifica.  Catricalà aveva 69 anni, dal 2017 era presidente del cda della società Aeroporti di Roma e nei giorni scorsi era stato nominato presidente dell'Igi, l'Istituto grandi infrastrutture.

Antonio Catricalà, nato a Catanzaro il 7 febbraio del 1952, è stato avvocato, magistrato, dirigente della pubblica amministrazione e politico. Laureatosi con lode in giurisprudenza presso l'Università di Roma "La Sapienza", dove è stato, peraltro, allievo di Pietro Rescigno, ha in seguito vinto il concorso in magistratura ordinaria, nonché superato l'esame di abilitazione da avvocato. Per due anni ha studiato economia, sociologia, storia e scienza dell'amministrazione presso l'Istituto Luigi Sturzo di Roma, ove è stato allievo di Federico Caffè. Successivamente è stato nominato per concorso consigliere e presidente di sezione del Consiglio di Stato della Repubblica italiana.

Quale professore a contratto nella facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Roma Tor Vergata ha insegnato diritto privato. È stato presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato dal 9 marzo 2005 al 16 novembre 2011. Il 18 novembre 2010 era stato designato alla presidenza dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas, carica alla quale ha rinunciato nove giorni dopo.

Il 16 novembre 2011 è stato nominato Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con funzioni di segretario del Consiglio dal Presidente del Consiglio Mario Monti e dal Presidente della Repubblica. Il 2 maggio 2013 viene nominato Viceministro al Ministero dello Sviluppo Economico con il Ministro Flavio Zanonato nel Governo Letta con delega alle comunicazioni.

Articoli Correlati

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

L’affaire Rai spacca la coalizione: Giorgia Meloni mette ufficialmente in mora il centrodestra: «Occhiuto? Regole saltate». Riscalda i motori Wanda Ferro. Nel centrosinistra, c’è anche Oliverio.

San Vitaliano abbraccia Catanzaro

Il 16 luglio l’arcidiocesi e la città di Catanzaro festeggiano il loro Santo Patrono, San Vitaliano. Non ci sarà la tradizionale processione a piedi. Il Santo raggiungerà in auto i vari quartieri.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.