Il calendario delle isole ecologiche itineranti – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Alcune informazioni diffuse dall’Avr per accedere ai siti in modo sicuro seguendo le attuali norme anti contagio

Il calendario delle isole ecologiche itineranti

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tornano sul territorio le isole ecologiche itineranti. Ecco alcune informazioni diffuse dall’Avr per accedere ai siti. Nel rispetto delle vigenti disposizioni di sicurezza derivanti dall’attuale periodo di emergenza Covid 19, il conferimento dei rifiuti presso le isole ecologiche itineranti dovrà avvenire nel rispetto delle seguenti modalità operative:
1. Durante l’attesa è necessario restare in auto ed evitare di creare assembramenti.
2. Avvicinarsi solo quando si è autorizzati dall’operatore addetto.
3. Accedere un utente alla volta, mantenendo la distanze di sicurezza
4. Per il conferimento è obbligatorio l’uso di mascherina e guanti.

Si rammenta che presso le isole ecologiche itineranti è possibile conferire:
• Ingombranti (divani, scaffali e mobili in genere)
• Raee (elettrodomestici come frigoriferi, lavatrici, ecc.)
• Rifiuti T/F (vernici, prodotti per la pulizia e pericolosi in genere)
• Medicinali scaduti - Pile esauste - Toner e cartucce
• Indumenti usati.

Ulteriori informazioni possono essere richieste all'indirizzo e-mail igiene.reggio@avrgroup.it, al numero verde 800.759.650 oppure consultando la pagina facebook DifferenziAMOla Reggio Calabria e l'App DifferenziAPP.

Articoli Correlati

Rifiuti, Marcianò: «Sistema in paralisi, quale indirizzo?»

La giuslavorista diffonde una note congiunta con la ”sua” consigliera di riferimento in Consiglio comunale, Filomena Iatì. La denuncia è ancora rispetto a «assenza di idee, indirizzo politico ondivago e malcelata incompetenza amministrativa».

Riunione operativa sull’emergenza rifiuti nel reggino

Il sindaco Falcomatà: «Umido nell’impianto di Vazzano». «La situazione – spiega Spirlì – non era più sopportabile. Non è concepibile che una delle città più belle del Mediterraneo sia devastata dai cumuli di immondizia»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.