Avvenire di Calabria

Contro ogni forma di razzismo e di genocidio: Vincenzo Marra ricorda le vittime dell'Olocausto ed il coraggio di chi vi si è opposto

Il presidente del Consiglio comunale sulla Giornata della Memoria

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Vincenzo Marra - In un giorno che rappresenta molto di più che una semplice commemorazione, il ricordo delle vergognose leggi razziali che anche in Italia hanno seminato sofferenza e morte, non può essere sbiadito. Rivolgo il mio pensiero a quanti pagarono l’abominio dell’Olocausto con la vita e chi, in quegli anni drammaticamente oscurati dal male, si salvarono ‘indugiando’, segnati dal trattamento feroce e disumano subito durante la detenzione nei campi di concentramento.
A quegli uomini e a quelle donne che scelsero da che parte stare, e non girarono la testa dall’altra parte, e a tutti coloro che nelle varie parti del mondo si sono opposti ai genocidi, va il mio omaggio e quello di tutto il Consiglio Comunale di Reggio Calabria, per aver rappresentato un’indelebile testimonianza di vita e di libertà.
Il campo polacco di Auschwitz e la giornata del 27 gennaio sono diventati il simbolo della Shoah, un evento drammatico che di certo ha travolto il popolo ebraico ma che ha riguardato l’intera umanità, e che oggi più che mai, ci obbliga alla memoria e ci costringe a lavorare duramente affinché neanche minimamente possa riecheggiare l’odore torbido e truce dell’odio e dell’intolleranza. A qualsiasi latitudine questi sentimenti si manifestino.
In quei periodi terribili, la deportazione si riferì alla culla della civiltà occidentale contemporanea: in quell’Europa, che tutt’ora non è riuscita a depotenziare l’idea della differenza con l’altro come una minaccia. L’impegno politico ed istituzionale che deve muovere il nostro agire, deve essere rivolto a contenere quell’esasperato ed ingiustificabile pensiero di nazionalismo, oltre gli steccati del buon senso e della comunione tra popoli. La nostra sfida quotidiana deve essere quella di un impegno a viso aperto e con gli strumenti democratici in nostro possesso, contro chi si ostina a negare la libertà di coscienza e l’idea di una scelta diversa, ed in quanto tale arricchente.
La nostra Costituzione è il faro che guiderà i nostri passi dentro le istituzioni affinché gli atti di antisemitismo e di razzismo ispirati a vecchie dottrine e a ideologie perverse, non vengano in nessuno modo legittimate ad uscire allo scoperto, o con sotterfugi digitali attraverso i quali trovano spazio nei moderni mezzi di comunicazione.
Nell’esempio di quel sacrificio dico che dobbiamo continuare a combattere l’indifferenza non sacrificando mai il ricordo di tanto dolore; anche attraverso ‘Il giorno della Memoria’, che non deve assurgersi a mera ricorrenza, ma che deve ambire a diventare simbolo di una costante e continua custodia dei valori di libertà e comprensione. Memoria e vigilanza dunque, contro ogni razzismo, contro ogni sopruso, per evitare che un triste passato trovi fertilità nel nostro futuro.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.