Avvenire di Calabria

La storia di papa Celestino V ha avuto grande risalto all'indomani delle dimissioni di papa Benedetto XVI avvenute il 10 febbraio 2013

Oggi la Chiesa festeggia San Celestino V, il Papa del “gran rifiuto”

Quale leader oggi ammetterebbe mai di non avere le forze per assolvere con totale libertà al compito che gli è stato affidato?

di Matteo Liut *

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La storia di papa Celestino V ha avuto grande risalto all'indomani delle dimissioni di papa Benedetto XVI avvenute il 10 febbraio 2013. Entrambi sono legati da una rinuncia profetica per il bene della Chiesa.

Da papa Celestino V all'emerito Benedetto XVI

Quale leader oggi ammetterebbe mai di non avere le forze per assolvere con totale libertà al compito che gli è stato affidato di essere guida, modello e amministratore?


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Un'ammissione che invece non ebbe paura di fare Celestino V, ovvero Pietro da Morrone, che nel 1294 rinunciò addirittura al Pontificato, nella consapevolezza di non avere le energie e le doti necessarie per guidare la sua amata Chiesa in quel momento storico.

Era nato tra il 1209 e il 1215 in Molise e per un certo periodo aveva provato l'esperienza monastica benedettina; ben presto, però, Pietro aveva capito di sentirsi chiamato a un'esistenza da eremita. Il suo stile improntato alla radicalità, alla semplicità e alla bontà d'animo attirò numerosi discepoli: nacquero così gli Eremiti di San Damiano, i Celestini, poi approvati da Urbano IV.


PER APPROFONDIRE: Benedetto XVI e l’eco sugli abusi, una riflessione storico-ecclesiale


Il 5 luglio 1294 venne eletto Papa: la scelta del suo nome chiuse una fase di sede vacante lunga 27 mesi. Celestino V però si rese conto di non avere le risorse per tenere testa agli interessi politici in gioco e si dimise il 13 dicembre. Morì a Fumone, prigioniero, il 19 maggio 1296.


* Avvenire

Articoli Correlati

sant'anna e san gioacchino

Oggi la Chiesa festeggia Sant’Anna e San Gioacchino

Sono considerati i “nonni” di Gesù: i Sant’Anna e San Gioacchino vengono festeggiati il 26 luglio. Paradossalmente delle due figure così importanti nella storia della salvezza non vi è alcuna traccia nei Vangeli canonici