Avvenire di Calabria

Preoccupa il tasso di non vaccinati sul corpo docente in servizio in Calabria. Come si muoverà il Governo?

In Calabria sono ancora pochi gli insegnanti vaccinati

Le misure ipotizzate si basano sulla media nazionale. Ma in casi "estremi" non è chiaro ancora come si agirà

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Calabria sono ancora pochi gli insegnanti vaccinati. Quasi il 16% in meno rispetto alla media nazionale. Parliamo del 64,25% rispetto all'80%. Vale a dire più di un insegnante su tre non ha ricevuto nemmeno la prima dose del vaccino anti-Covid-19.

In Calabria sono ancora pochi gli insegnanti vaccinati

In Italia l’80% dei vaccinati ha ricevuto una o due dosi di vaccino. Un numero alto che per il momento scongiura ulteriori e urgenti misure del Governo. Ma per quanto riguarda la scuola, il premier Draghi potrebbe pensare ad una misura ad hoc ed intervenire nelle Regioni dove resta basso il numero di insegnanti e dipendenti immunizzati. Oltre alle Province autonome di Trento e Bolzano, anche in Liguria, Sicilia, e Calabria si registrano i numeri più bassi d’Italia. Nella nostra regione, la percentuale di personale scolastico vaccinato è pari al 64,25%. Una cifra assai distante dalla media nazionale.


PER APPROFONDIRE | Il pugno duro della preside reggina (Leggi l'articolo)


Sul punto è intervenuto anche l’immunologo e membro del Comitato tecnico scientifico Sergio Abrignani, secondo il quale: «Dovremmo decidere l’obbligo di vaccinazione per gli insegnanti e dovremmo procedere rapidamente con gli adolescenti». «I ragazzi saranno in buona parte non vaccinati e negli ambienti chiusi un virus contagioso come la Delta può infettare molto», conclude Abrignani.

Articoli Correlati

La missione della scuola

La missione della scuola? Educare alla cultura

Una prof di religione ci porta all’interno delle attese di ogni docente il giorno prima dell’inizio delle lezioni scolastiche. Secondo la professoressa Fortani, «l’identità di spazio culturale che appartiene alla scuola va confermata e tutelata».

Morrone scrive agli studenti

Morrone scrive agli studenti: «Siate costruttori di un mondo umano»

La lettera inviata dal presule reggino in occasione dell’apertura dell’anno scolastico. L’invito a ripartire dopo il Covid: «Il desiderio di vivere insieme, di condividere una comune avventura, è grido insopprimibile dell’anima acutizzato dalla pandemia, segnalandoci che le relazioni sono come l’ordito e la trama che strutturano il nostro tessuto umano, il tuo»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.