Avvenire di Calabria

In cammino!

Il racconto dell'esperienza di programmazione sinodale vissuta a Cucullaro

di don Pietro Sergi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il cammino sinodale diocesano riprende da Cucullaro di Gambarie! Dal 29 al 31 luglio don Fortunato, il nostro vescovo, insieme ai suoi vicari, ha voluto ricominciare trascorrendo tre giorni nel riposo e nell’ascolto di tutta la Comunità Diocesana, rappresentata dagli Organismi di Partecipazione (Consiglio Presbiterale, Consiglio Pastorale), dagli Uffici di Curia e dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Sullo sfondo l’icona di Betania, icona che parla della vita vissuta con una direzione precisa dietro a Gesù, di amicizia, franchezza, formazione e operosità. Essa si è realizzata in quel presente, indirizzando lo sguardo di tutti sull’Ospite che va a Gerusalemme, attraversando strade e villaggi, fermandosi nella casa con gli amici, disposti ad essere informati e formati dalla Sua Presenza e dalla sua Parola.

Mentre il confronto col vescovo prendeva ogni giorno di più forma e dava gusto ai rapporti tra i presenti, emergeva l’entusiasmo di essere Chiesa che riprendere il cammino con maggiore desiderio e certezza, dopo la pandemia, e con rinnovato slancio e creatività, e ci si rendeva conto che la sinodalità diveniva un fatto vissuto e non solo parole dette.

Tante proposte sono emerse e prenderanno forma pian piano, ma la più importante riguarda la voglia concepirsi in cantiere, di continuare il lavoro di ascolto in stile laboratoriale, mettendo in campo le esperienze e facendo tesoro di quanto la nostra comunità diocesana ha vissuto lo scorso anno e riassunto nel documento pubblicato.

L’esperienza di Cucullaro sarà ripresa il 6 settembre con una meditazione dettata dall’Arcivescovo di Catanzaro, monsignor Claudio Maniago e il 7 settembre, con la focalizzazione dei punti nodali che guideranno il secondo anno del cammino sinodale.

Come lo scorso anno, punto di partenza mensile sarà l’ascolto della Parola nella lectio divina, che, sarà guidata nelle 11 zone pastorali, da laici, religiose e religiosi, diaconi e presbiteri.

Dopo una prima meditazione unitaria, in ottobre, gli incontri approfondiranno le piste fornite dai tre cantieri, indicati dal documento CEI, secondo cui si focalizza il rapporto di Gesù con Lazzaro (la risurrezione), con Maria (l’ascolto e la formazione), con Marta (l’operosità organica e la carità).

Da questi spunti riprenderà vigore il desiderio e la creatività affinché la Chiesa diocesana incontri e ascolti tutti gli ambiti abitati dall’uomo del nostro tempo nella nostra realtà diocesana. “Camminando, si apre il cammino…”.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.

Oggi è la festa dell’Assunta: ecco cosa si celebra

Ferragosto, apice dell’estate, è in realtà una solennità molto sentita dai cristiani. Si tratta di una fra le più antiche feste mariane. La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste