Avvenire di Calabria

L’esempio della donna stravolge il paradigma della felicità: seppur coi limiti fisici, infatti ha vissuto con gioia

La calabrese Nuccia Tolomeo è Serva di Dio

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La sessione ordinaria del Congresso dei cardinali e dei vescovi della Congregazione delle cause dei Santi, lo scorso 26 marzo 2019 ha dato parere favorevole sulle virtù eroiche della Serva di Dio Gaetana Tolomeo, laica, nata a Catanzaro, il 10 aprile 1936 e morta nel capoluogo calabrese il 24 gennaio 1997.

Il relativo decreto è stato sottoposto al giudizio del Santo Padre Papa Francesco, il quale il 6 aprile 2019 ha autorizzato la Congregazione ad emetterlo in via definitiva. Gaetania Tolomeo, da tutti conosciuta come Nuccia ha vissuto una vita semplice, ordinaria, costretta a una forzata immobilità per una paralisi progressiva e deformante fin dalla nascita. È stata sempre su una poltroncina o a letto in tutto dipendente dagli altri. Educata cristianamente, ha maturato la coscienza del suo stato in una visione di fede e ha trovato in Gesù Crocifisso le motivazioni per cantare la vita. Regalava a chi la andava a visitare una testimonianza di coraggio, di fortezza e un sorriso, che trovava nell’amore di Dio la sola giustificazione. Al suo angelo custode aveva dato il nome Sorriso. E il sorriso era diventato per lei il modo di essere.
 
Soprattutto negli ultimi tre anni della sua vita, alle tante persone che le telefonavano o le scrivevano da tutta Italia raccontandole le loro miserie, lei offriva un ascolto empatico, inviava il suo angelo Sorriso, assicurava la sua preghiera e l’offerta della sua sofferenza, e infine incoraggiava a riporre nei Cuori di Gesù e Maria tutta la loro speranza. Nuccia è un fatto culturale: è una sfida che sconvolge, stimola, interpella e invita a ripensare il senso della vita e, soprattutto, il senso della sofferenza: «Sono Nuccia, ho 60 anni, tutti trascorsi su un letto; – era solita dire – il mio corpo è contorto, in tutto devo dipendere dagli altri, ma il mio spirito è rimasto giovane. Il segreto della mia giovinezza e della mia gioia di vivere è Gesù».

Articoli Correlati

Il 3 ottobre 2021 la beatificazione della catanzarese Nuccia Tolomeo

La fase diocesana si è svolta dal 31 luglio 2009 al 24 gennaio 2010 presso la diocesi di Catanzaro-Squillace. Il 6 aprile 2019 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto sulle virtù eroiche e, il 29 settembre 2020, il decreto relativo a un miracolo ottenuto per sua intercessione.

Dona il respiratore a un giovane: il sacrificio di don Giuseppe

Don Giuseppe Berardelli, sacerdote 72enne di Casnigo (Bergamo), è uno dei trenta sacerdoti morti per Coronavirus. Si è spento dopo essere risultato positivo al Covid-19, ma anche perché ha scelto di sacrificarsi per un’altra persona a lui sconosciuta.

Festa della donna, una testimone da seguire: Edith Stein

In occasione della festa delle donne, vi anticipiamo un articolo che sarà pubblicato sul numero del 10 marzo del nostro settimanale. A firmarlo è la professoressa Francesca Crisarà, la quale porta in evidenza la figura di Edith Stein.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.