Avvenire di Calabria

Iniziativa dell'associazione Abakhi e della Fondazione Benedetta è la Vita

La Casa di Benedetta, online il video per la raccolta fondi

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Casa di Benedetta, un progetto da sostenere. È online il video per avviare una campagna di crowfunding per i lavori di ristrutturazione di una struttura di Reggio Calabria, destinata ad offrire alloggio ed accoglienza a  minori in difficoltà. L'edificio  su due piani e dotato  di un giardino e di un piccolo orto sorge in una zona relativamente centrale: già  di proprietà dei Padri Monfortani è stato dato di recente  in comodato d'uso gratuito all'associazione "Abakhi". Al completamento dei lavori di ristrutturazione La Casa di Benedetta sarà una struttura in grado di ospitare 15 minori stranieri non accompagnati, per i quali avrà così inizio un percorso di integrazione guidata e responsabile. 

L’associazione “Abakhi”, parola africana che in lingua zulu significa “Costruttori”, nasce da sette ragazzi reggini, tra i 20 e i 30 anni. Il progetto ha lo scopo di tutelare e promuovere i diritti umani, civili e l’inclusione sociale delle fasce deboli, soprattutto donne e uomini italiani, immigrati, comunitari ed extracomunitari, che vivono diverse forme di disagio e fragilità soggettiva e sociale, quali l’esclusione sociale, l’esclusione dal mercato del lavoro, violenze e sfruttamento.

Accanto all'associazione, in questa attività, vi è la Fondazione "Benedetta è la Vita", che non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, opera nel settore dell'assistenza sociale e socio sanitaria ed intende aiutare minori, in particolare nell'ambito del territorio ove ha sede, che si trovino in situazione di svantaggio a causa delle condizioni di malattia ovvero di altro disagio fisico, psichico, economico o sociale, riguardanti loro stessi o la loro famiglia.

Articoli Correlati

Migranti, ennesimo sbarco nella Locride

Migranti, ennesimo sbarco nella Locride. Oltre 50 le persone tratte in salvo la scorsa notte al largo di Roccella Ionica dalla Guardia Costiera. Ci sono anche 6 minori di cui 5 non accompagnati.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.