La Madonna della Consolazione è tornata all’Eremo – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Il Quadro è stato trasferito in forma privata a causa dell'Epidemia da Covid-19

La Madonna della Consolazione è tornata all’Eremo

Il trasferimento, iniziato alle 22.20, si è appena concluso

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Quadro della Madonna della Consolazione è stato accompagnato all’Eremo di Reggio Calabria questa sera alle 22.20.

Come già l’arcivescovo Fiorini Morosini ha anticipato durante la celebrazione della Solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, presieduta oggi alle 18 in Duomo: "Credo sia doveroso che ormai questa presenza in Cattedrale debba terminare, perciò celebriamo questa eucaristia come un saluto alla Vergine Santissima, chiedendo a lei di proteggere noi e la nostra città in questo tempo di pandemia”.
Inoltre, al termine della celebrazione, l'arcivescovo ha letto l'atto di affidamento alla Vergine della Consolazione da lui composto. Il trasferimento del Quadro, che sarebbe dovuto avvenire lo scorso 22 novembre in occasione della Solennità di Cristo Re, è stato posticipato di alcune settimane ed è avvenuto in forma riservata a causa dell’epidemia da Covid-19.
Abitualmente, infatti, il rientro del simulacro della Vergine avviene con solenne processione.

In occasione del mancato trasferimento delle settimane scorse, l’arcivescovo aveva chiesto a tutti i fedeli di intraprendere «un novenario di preghiera e di penitenza, affinché il Signore ci guarisca da tutte le infermità fisiche e morali». In adesione all’appello dell’arcivescovo, in tutte le parrocchie e in molte famiglie si è pregato il Rosario, unendosi spiritualmente a tutta la comunità diocesana, in un unico canto di lode alla Madonna della Consolazione.

Il Quadro è stato accompagnato da una delegazione dei Portatori della Madonna della Consolazione, coadiuvati dai loro sacerdoti assistenti, ed è stato accolto da tutta la comunità dei padri Cappuccini, che subito hanno provveduto a posizionare la sacra effigie presso la pala d’altare del Santuario.

Il trasferimento è avvenuto in sicurezza, grazie alla cabina di regia della Prefettura e al servizio di sorveglianza predisposto dalla Questura di Reggio Calabria.
I particolari delle operazioni di trasferimento sono stati concordati dal Vicario generale, monsignor Salvatore Santoro, in piena sinergia e spirito di collaborazione con Questura e Prefettura.

Articoli Correlati

Si è spento per Covid il canonico padre Giacomo Engels

Il Coronavirus ha spento la vita del monaco belga che ha amato la Calabria, in particolare l’area grecanica. Dall’Abbazia benedettina di Chevetogne, è stato in grado di tessere rapporti forti e generativi con la comunità diocesana dello Stretto.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.