Avvenire di Calabria

La Reggina è in serie B. Dopo sei anni gli amaranto tornano nel campionato cadetto al culmine di una stagione trionfale

La Reggina è serie B: festa a Piazza Duomo [IMMAGINI]

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Reggina è in serie B. Dopo sei anni gli amaranto tornano nel campionato cadetto al culmine di una stagione trionfale, fermata soltanto dall’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Il lasciapassare per la B è arrivato oggi dal Consiglio Federale, intorno alle 14, con la Figc che dopo settimane di attesa ha sciolto la riserva, promuovendo di fatto Reggina, Monza e Vicenza, ovvero le prime della classifica nei tre gironi.

Gli amaranto suggellano così una stagione meravigliosa con numeri da urlo: 21 vittorie, 6 pareggi, 3 sconfitte nelle 30 partite disputate prima dello stop, con gli amaranto avanti di nove punti sul Bari. E ancora miglior attacco e migliore difesa del campionato, 11 vittorie consecutive.

«Volevo essere io il primo a dare questa notizia e alla città di Reggio. Come avevo predetto la Reggina l’anno prossimo giocherà di sabato. La stagione 2020-21 la giocherà in Serie B. Abbiamo vinto il campionato. Questo dovevo e sono felicissimo di comunicarlo. Chiudo dicendo a tutti quanti, forza Reggina sempre». Il video messaggio di Luca Gallo è arrivato non appena si è diffusa la notizia della votazione all’unanimità della promozione in Serie B della Reggina.

In Città sono già iniziati i caroselli e, in particolare, un nutrito gruppo di tifosi ha invaso Piazza Duomo per festeggiare la tanto attesa promozione nella cadetteria.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.