Avvenire di Calabria

L’altro Halloween

I giovani di notte sui passi dei santi

Matteo Liut

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non solo Halloween per la notte del 31 ottobre, ma soprattutto la vigilia della solennità di Tutti i Santi, una festa della vita, un'occasione per riflettere sulla luce irradiata da tutti coloro che ci hanno preceduto e hanno vissuto fino in fondo il Vangelo.

Sono numerose le comunità locali che hanno deciso di offrire stasera ai giovani un assaggio di quella bellezza che nasce dalla vita di fede. Un modo non tanto per "combattere" la sempre più diffusa usanza di celebrare Halloween quanto per offrire un momento particolare di preparazione alla festa dei Santi e poi alle giornate dedicate alla commemorazione dei defunti.

E quest'anno anche la Notte dei Santi si colloca in quel lungo cammino di confronto e di preparazione in vista del Sinodo del 2018, che sarà dedicato proprio alle nuove generazioni. Verrà chiesto quindi si spingere lo sguardo "oltre" verso i lontani, verso tutti quei mondi che in genere la pastorale fa fatica a incrociare sul proprio cammino ordinario.

Seguendo questa logica a Torino la diocesi ha invitato i giovani a salire alla Basilica di Superga a partire dalle 21 per osservare la città "dal punto più alto, al di sopra della rete di case e di strade dove brulica la vita quotidiana" per "sentir risuonare la domanda con cui si apre il cammino del Discepolo amato nel Vangelo di Giovanni, «Maestro, dove abiti?»".

A Milano gli adolescenti stanotte cammineranno nel cuore della zona di Porta Nuova, simbolo della città che cresce con i suoi grattacieli. Tra le 18 e le 22 partiranno a gruppi e lungo l’itinerario ci saranno delle soste in cui vivranno un momento di animazione a cura di alcuni «carismi» presenti in città. Toccheranno così le zone di corso Como, piazza Gae Aulenti, il quartiere delle Varesine, la Stazione Centrale, fino ad arrivare alla Basilica di Sant’Agostino, la chiesa retta dai salesiani di don Bosco, dove potranno vivere la conclusione del cammino con la possibilità di accostarsi al Sacramento della Confessione.

A Roma l'appuntamento è alle 20.30, nella chiesa di Santa Dorotea in Trastevere. Dopo la Messa presieduta dal vescovo Gianrico Ruzza, alle 22.30, nell’ambito dell’iniziativa «Holyween. Trascorri la notte dei Santi con il roveto ardente», si terrà l’adorazione eucaristica e l’evangelizzazione di strada.

A Perugia la diocesi ha deciso di dedicare un intero percorso di quattro incontri al tema "Giovani & SantI" per "riscoprire e valorizzare figure di riferimento di umanità e santità". Al centro le figure di Carlo Acutis, Santina Campana, Chiara Luce Badano e don Bosco.

E sul web Holyween è diventato anche una vera e propria rete che unisce diverse iniziative volte a riscoprire il significato della festa di Ognissanti. Sono coinvolti gruppi di associazioni, parrocchie, unità pastorali.

Articoli Correlati

Caf Mcl, Vincenzo Massara è il nuovo presidente nazionale

Immediatamente dopo l’elezione, il ringraziamento al Movimento Cristiano dei Lavoratori sottolineando l’importanza e il grande lavoro che sottende a questo incarico: “Priorità al territorio, al lavoro, alla dignità dei lavoratori e delle famiglie”

Sanremo, se l’eccesso è «più forte» del talento

L’ultima edizione della kermesse canora è stata caratterizzata da una precisa scelta di campo: diseducare al merito. Sulle serate si sono espressi il vescovo della città ligure, monsignor Suetta, il cappellano del Festival e l’associazione esorcisti

Famiglia, tra «sostenibilità» e valori. Quale scelta?

Per questo non è più sufficiente, seppur necessario, un welfare a misura di famiglia, ma un intervento che promuova il “genoma” costitutivo della famiglia che si compone di dono, reciprocità, sessualità di coppia e generatività

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.