Avvenire di Calabria

L'edificio di culto brusio è pronto a superare gli otto secoli di vita. Come ''regalo'' ci sarà un ampio restauro.

Le intelligenze dell’Unical per il restauro del Duomo di Cosenza

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Al via l’analisi di diagnostica del degrado della facciata del Duomo di Cosenza. A condurre le operazioni è l’Università della Calabria (Unical) con un suo team di ricercatori e accademici, guidato da Mauro La Russa, professore di petrografia applicata ai beni culturali presso il dipartimento DiBest. L’idea è quello di un «un massiccio intervento di “make-up” storico-artistico che ripulirà l’edificio dai segni del tempo», come spiega lo stesso docente ai taccuini di Parola di Vita, il settimanale dell’arcidiocesi di Cosenza-Bisignano. L’iniziativa vedrà un’azione congiunta di Università della Calabria e Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cosenza, suggellata da una convenzione stipulata dai due enti.

«Considerato che nel 2022 il Duomo di Cosenza compirà 800 anni, urgono azioni di ammodernamento sismico sulla struttura. La Soprintendenza rappresenta la nostra anamnesi: conserva tutte le informazioni sulla cattedrale non solo di natura storica, ma anche per quanto riguarda i vari rimaneggiamenti subìti. Grazie al loro lavoro, noi possiamo risalire alla miglior cura da adottare per contrastare il degrado. Tra noi e loro esiste un continuo interscambio storico-artistico e architettonico» puntualizzaLa Russa. Ultimato il campionamento, - che sta occupando questa prima fase inizierà la fase laboratoriale, al termine della quale sarà possibile diagnosticare e curare il degrado: «Studieremo in laboratorio il materiale di cava per capire quale prodotto, o consolidante o protettivo, si potrà suggerire alla ditta che appalterà i lavori di restauro, lavori che la Soprintendenza ha già annunciato di voler portare avanti al più presto», prosegue il professore La Russa. che conclude: «Condurremo analisi al microscopio di tipo petrografico, in cromatografia ionica per studiare i sali solubili e con metodologia XRD per saperne di più sulla componente mineralogica e per evidenziare le maggiori forme di degrado sulla facciata».

Il Duomo di Cosenza, principale luogo di culto cattolico in città, è patrimonio culturale Unesco dal 12 ottobre 2011. Costruita nel tredicesimo secolo, la cattedrale sorge nello stesso sito di una chiesa più antica, distrutta da un terremoto nel 1184. La cerimonia di consacrazione risale al 1222, alla presenza dell’imperatore Federico II di Svevia che, per l’occasione, portò in dono la famosa Stauroteca.

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.