Avvenire di Calabria

Caturano all'ottavo centro stagionale condanna gli amaranto alla sconfitta.

Lecce – Reggina 1-0, vince il cinismo

Enzo La Piana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Termina 1-0 allo stadio Via del Mare la gara tra due nobili decadute del calcio italiano, Lecce e Reggina, con i salentini che protesi alla ricerca dei tre punti per tentare l’assalto alla vetta della classifica nella domenica in cui Matera e Foggia fanno 1-1 si aggiudicano i te punti con il minimo sforzo. Padalino, deve rinunciare soltanto all’infortunato Freddi, mentre Zeman,conferma per la terza settimana consecutiva l’undici-base, con Oggiano e Porcino ai lati di Coralli negli ultimi sedici metri. Amaranto senza alcun timore reverenziale nonostante la caratura dell’avversario che prova a guadagnare metri su una Reggina che ribatte colpo su colpo. Una prima frazione, condotta a buon ritmo dagli amaranto che chiudono tutti i varchi agli vanti locali, grazie ad una retroguardia concentrata. Vere e proprie occasioni da gol però non ne sono arrivate: Bangu ci ha provato da fuori, mentre, più volte Coralli non ha trovato lo spunto decisivo sull’assist di Porcino. Nel finale di tempo, da buona posizione De Francesco non impensierisce più di tanto Bleve,che mantiene i primi 45’ sul il risultato ad occhiali. Il secondo tempo, si fa subito in salita per gli amaranto, colpiti a freddo dopo soli due minuti di gioco, da un Lecce per nulla irresistibile. Sala,non trattiene una punizione e viene punito da Caturano che insacca portando avanti i suoi. Gli amaranto, assorbito il colpo si portano in avanti ma non riescono concretamente a finalizzare, anche perché i padroni di casa badano e portano a casa il risultato. Gli amaranto non riescono a sfatare, nonostante le premesse, il tabù Via del Mare, da dove escono comunque onorevolmente, mentre domenica al Granillo arriva un’un altro cliente scomodo: la Juve Stabia.
Le pagelle amaranto
SALA 5 Sul gol subito ha le sue responsabilità; unica sbavatura.
CANE 6,5 Attento in fase di copertura, chiude bene le diagonali nella linea difensiva.
GIANOLA 6 Buona prestazione, sa tenere bene la posizione dando sicurezza ai compagni.
KOSNIC 5 Caturano lo beffa in occasione del vantaggio salentino. Falloso.
POSSENTI 6 Disciplinato in fase difensiva, abbastanza intraprendente quando deve attaccare.
BANGU 6,5 Buono il primo tempo e buona prestazione bene negli spazi, nella posizione e nell’agonismo. Dal 21′ st KNUDSEN 6 Ottimo impatto con il match.
BOTTA 6 Ordinato, davanti alla difesa abbassa i ritmi della gara per tutto il primo tempo, un po’ meno nella ripresa.
DE FRANCESCO 5,5 Quando si spegne lui tutta la squadra ne risente. Un po' defilato dalla manovra
OGGIANO 4,5 Primo tempo dove non si vede mai, un po’ troppo dribblomane. Ha la palla buona per pareggiare, ma la spreca.
CORALLI 5 In condizioni precarie, pur restando il punto di riferimento per i compagni, gioca troppo distante dalla porta, a discapito della precisione e dell’efficacia. Dal 25′ st TOMMASONE s.v.
PORCINO 5,5 Resta un pò troppo defilato. Ci prova, ma senza risultato. .

Articoli Correlati

Monsignor Morosini chiama Mario Situm: «Grazie»

Dopo la gara di venerdì scorso a Venezia, l’amministratore apostolico di Reggio Calabria ha chiamato l’ala sinistra della Reggina. Il calciatore aveva dedicato il gol e la vittoria a Gesù: «Hai avuto coraggio: il coraggio dei semplici» ha detto il presule.

Reggio, si lavora allo sviluppo del Sant’Agata e del Granillo

Si è svolto questa mattina a Palazzo San Giorgio, l’incontro tra il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà e i vertici della società amaranto. Si è parlato dei rapporti tra gli Enti territoriali e la Reggina 1914 per le prospettive di sviluppo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.