Avvenire di Calabria

La risposta della comunità di Reggio Calabria che ha dimostrato i valori intrinsechi della città dei Bronzi come l'ospitalità e l'inclusione

Minori stranieri non accompagnati in affido a 15 famiglie reggine

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La forza della comunità. Questa è la grande lezione che sintetizza la vicenda dei minori stranieri non accompagnati. È una vera storia italiana, una storia in cui un'intera comunità non si è piegata alla logica della necessità di forza maggiore, ma si è fermata ad interrogarsi in nome del bene superiore di ogni ragazzo coinvolto. Quel che ne viene fuori è un chiaro messaggio di accoglienza e inclusione, tanto più forte quanto in disaccordo con l'ondata xenofoba che, in questi giorni, ammorba il Paese. Come ha affermato il Presidente Mattarella pochi giorni fa: " senza comunità arriva la violenza". Bene: nel territorio di Reggio Calabria si è dimostrato che con la comunità arriva l'accoglienza. In un paio di giorni più di 15 famiglie hanno dato la loro disponibilità all'affido di altrettanti minori stranieri, sancendo concretamente i valori dell'ospitalità e dell'inclusione. Un movimento d'accoglienza straordinario, unico nel panorama nazionale. A ciascuna di queste famiglie, e a quanti hanno dato la loro disponibilità per affidi futuri, va il nostro profondo ringraziamento. Grazie a loro possiamo dire oggi che questa Calabria da terra d'approdo è diventata casa.

Il primo risultato di un lavoro intenso e capillare, in alternativa al trasferimento dei minori stranieri, è certamente questo dei numerosi affidi. Al tavolo tenutosi in Prefettura lunedì scorso si è voluto, però, affermare con i fatti ancora di più: ogni ragazzo è protagonista del proprio destino, portatore di diritti unici e inalienabili e, in linea con il progetto educativo e in accordo con gli educatori, deve essere messo in grado di scegliere per sé il meglio, sulla base dei propri bisogni. La realtà dell'affido è complessa e delicata. Ecco perché diversi minori hanno optato ancora per l'alternativa della comunità di accoglienza. Tutti questi hanno potuto scegliere strutture di secondo livello e Sprar. Non più, dunque, centri di prima accoglienza come paventato la scorsa settimana dai servizi sociali, ma strutture con condizioni migliorative rispetto a quelle, pur notevoli, attuali e pienamente rispondenti, in tal senso, ai criteri di tutela stabiliti dalla Legge Zampa. Il diritto allo studio è, dunque, preservato e da subito i ragazzi che hanno scelto altre strutture potranno continuare il proprio percorso scolastico.

Quando scriviamo "forza della comunità" consideriamo, insieme all'impegno di associazioni e cittadini, il lavoro rigoroso, attento e sensibile della Prefettura, la competenza e la disponibilità del Tribunale Minorile, la pronta vicinanza del Garante per l'infanzia e l'adolescenza, l'impegno del Comune di Reggio Calabria rappresentato dall'Assessore comunale delegato al coordinamento degli sbarchi e l'importante presenza del tutore avv. Cananzi. La comunità convocata al tavolo della Prefettura, Istituzioni e società civile, è un'alta testimonianza di democrazia e Stato. Nel dialogo vivace, rispettoso e collaborativo si sono trovate soluzioni addirittura migliori rispetto a quella del mantenimento dei minori nelle strutture attuali fino a giugno. Osservata, e pienamente condivisa, l'impossibilità di un provvedimento del genere, abbiamo lavorato, come già esposto, a un percorso culturalmente ed educativamente più ambizioso.

Il percorso dei minori stranieri non accompagnati è stato, dunque, riconosciuto nella sua superiore dignità. In virtù di ciò, presto proporremo al territorio momenti di incontro e riflessione sul tema.

"Grazie a tutti coloro che sono stati vicini a questa pratica di democrazia, a questa prova di Costituzione, a questa scuola di accoglienza. Qui si è fatta l'Italia, quella vera, per chi vuole e per chi non vuole vederla" scrivono le associazioni.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.