Avvenire di Calabria

Il monito del vescovo di Locri-Gerace in occasione della commemorazione di Francesco Fortugno

Monsignor Oliva: «La gente vuole delle Istituzioni coerenti»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Che questo giornata possa essere una giornata di riflessione per le autorità e per la comunità civile, il benessere della società dipende anche da come noi la amministriamo». Con queste parole monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, ha concluso la Santa Messa in suffraggio di Franco Fortugno, il vicepresidente del Consiglio regionale assassinato a Locri il 16 ottobre 2005. La celebrazione è stata celebrata nella cappella dell'ospedale di Locri. Presenti, oltre alla vedova Fortugno, Maria Grazia Laganà, anche il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, Mario Oliverio, governatore della Calabria e Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica di Catanzaro.
«La morte di Francesco Fortugno ha segnato un momento di passaggio per tutta la nostra comunità, da allora niente è stato più come prima, Francesco Fortugno non è morto invano. La sua morte - spiega Oliva - ha portato la società civile a capire che era fondamentale ricostruire su basi nuove la comunità mettendo da parte l'arroganza mafiosa, questo è il messaggio che lascia a tutti noi». Poi un monito alla classe politica: «L'uomo delle istituzioni deve essere coerente, la gente vuole questo dai suoi governanti: coerenza»

Articoli Correlati

L’Unitalsi Calabria ha un nuovo assistente

Durante i lavori della prima assemblea del 2023, il benvenuto al nuovo assistente spirituale e il ringraziamento a don Gianni Polimeni, «per anni guida costante e rassicurante».