Avvenire di Calabria

L'intervento dell'Arcivescovo di Reggio Calabria - Bova

Morosini: «Totale estraneità di don Nuccio a contesti mafiosi»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini è intervenuto dopo la pubblicazione delle motivazioni della sentenza a carico di don Nuccio Cannizzaro.
«Dopo aver preso visione delle motivazioni dell’assoluzione di Don Nuccio Cannizzaro, - scrive il presule - depositate nei giorni scorsi e relative alla sentenza del Tribunale di Reggio Calabria del 15 luglio 2014, voglio confermare ancora una volta la personale vicinanza al carissimo don Nuccio e a tutta la Parrocchia di Condera. È una sentenza che, almeno dopo questa prima fase processuale, con l’ampiezza e l’intelligenza delle sue argomentazioni, rende loro giustizia per tutte le sofferenze patite per lunghissimi anni. Soprattutto, trovo confortante che il Tribunale abbia riconosciuto la totale estraneità di don Nuccio rispetto ai presunti mafiosi».
«Con la gioia per questo primo risultato positivo continueremo a stare accanto a don Nuccio e alla sua comunità parrocchiale. Non mancherà la preghiera al Signore perché la loro fede, - ha concluso padre Giuseppe - maturata in questi anni di dolore e di trepidazione, possa produrre quei frutti di bene che solo il seme del dolore riesce a far germogliare».

Articoli Correlati

Fase Due, i diritti di tutti prima degli interessi di alcuni

Il Coronavirus sta svelando le disuguaglianze presenti nel nostro Paese. Immaginare una ripartenza, valutando le precondizioni in modo paritetico, calpesta i diritti di tantissimi, tra madri e padri di famiglia, che cercano di sbarcare il lunario.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.