Avvenire di Calabria

Una comunità pronta a scendere in piazza per una protesta pacifica, ma decisa: questo è lo spirito che unisce i cittadini di Mosorrofa

Mosorrofa si prepara a scendere in piazza per una protesta comunitaria

La popolazione della periferia collinare di Reggio Calabria, radunata in Comitato, si mobilita per difendere i diritti del proprio territorio

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una comunità pronta a scendere in piazza per una protesta pacifica, ma decisa: questo è lo spirito che unisce i cittadini di Mosorrofa, periferia collinare di Reggio Calabria, radunati in Comitato per difendere i diritti del proprio territorio.

La protesta di Mosorrofa

La popolazione di Mosorrofa sabato 7 maggio alle 18.30 si ritroverà in Piazza San Demetrio a Mosorrofa (Reggio Calabria) per manifestare il proprio disagio riguardo alla triste situazione nella quale versa questo lembo di terra collinare del comune di Reggio Calabria.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Problemi idrici, viabilità, spazzatura e discariche a cielo aperto, assenza totale di spazi dove bambini, ragazzi, giovani e adulti possano estrinsecare il loro sacrosanto diritto di una gioiosa convivialità, assenza di una delegazione municipale efficiente e tanti altri problemi che assillano il vivere quotidiano in questo paese hanno convinto la cittadinanza che è ora di dire basta.

Per anni si è atteso inutilmente la risoluzione di qualcuno di questi problemi, per anni si sono ascoltate fiduciosi le innumerevoli promesse fatte dalle tante diverse amministrazioni succedutesi alla guida della città: parole, solo parole è necessario voltare pagina. 

Sabato, dunque, la cittadinanza si radunerà in piazza per condividere i contenuti di una lettera da inviare al Prefetto e al Sindaco del Comune di Reggio Calabria e si inizierà una raccolta firme, una sottoscrizione del disagio, per esprimere la profonda manifestazione di un disagio sociale e culturale incompatibile con la qualità di vita di cittadini residenti in una città europea del Terzo millennio.


PER APPROFONDIRE: Mosorrofa, dove la Chiesa è la «fontana del villaggio»


Il Comitato di quartiere Mosorrofa e tutte le associazioni culturali, civiche, politiche, religiose e ricreative che insistono sul territorio concordano che è giunta l’ora di alzare la voce e il raduno che ci sarà sabato 7 maggio sarà solo l’inizio.

Articoli Correlati

La migrazione è ricchezza anche per chi accoglie

La migrazione può essere ricchezza per chi accoglie? In vista della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che si celebra il 25 settembre, il Papa ci offre tanti spunti di riflessione.