Avvenire di Calabria

Il presidente della Conferenza episcopale italiana, nel suo editoriale per Avvenire: "Questa sofferenza innocente ci aiuta a meditare sul dono della vita"

Natale, Bassetti: «Dare valore a ciò che conta davvero»

Filippo Passantino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Mai come oggi, seppur tra mille difficoltà e sofferenze, questo è il 'tempo di credere'. Anche quest’anno, infatti, celebriamo la Speranza che si è fatta carne in un’umile grotta di Betlemme e ha attraversato 'i mondi'». Lo scrive il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Conferenza episcopale italiana, nel suo editoriale per Avvenire. «La pandemia sembra aver sospeso ogni ambito della vita, ma il Salvatore continua a nascere per noi e in noi: Dio non ci lascia da soli. Sono convinto che l’esperienza della malattia, che anch’io ho affrontato, e sto superando per grazia di Dio, ci permette di dare valore a ciò che veramente conta».
Riflettendo sul fatto che «la natività c’interpella profondamente», il cardinale ribadisce che «ci rimanda all’essenzialità dell’esistenza, a ciò che dà senso alla quotidianità, alla bellezza della vita familiare, alla qualità delle relazioni, alla capacità di accogliere Cristo nel nostro cuore».
Ricordando le persone morte con il Covid, quelle rimaste sole e quelle che hanno perso il lavoro e vivono in una condizione di grande precarietà, il presidente della Cei afferma che «questa sofferenza innocente c’interroga e ci aiuta a meditare sul dono della vita. Questo è il tempo propizio perché ognuno s’impegni non solo a custodire la vita ricevuta dal Padre nella gratuità, ma anche a donarla». Infine, l'augurio di «buon Natale a tutti: A chi è nella sofferenza, a chi è ammalato, a chi è solo, agli anziani, ai medici, agli operatori sanitari, alle famiglie, ai bambini, ai giovani, a chi è alla ricerca di un lavoro, a tutti gli uomini e alle donne che si donano nella gratuità».

Articoli Correlati

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

San Pantaleone compare sia nel gruppo greco dei medici «anargiri» sia nel gruppo occidentale dei Quattordici Intercessori. Un santo che “unisce” la Laguna veneziana all’Area grecanica reggina. Scopri perché.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.