Avvenire di Calabria

Il Vangelo narra l’incontro dell’angelo con le donne giunte al sepolcro di Gesù: le celebrazioni di quest’anno ricadono nel secondo anno di pandemia

Oggi si festeggia il lunedì dell’Ottava di Pasqua

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi si festeggia la cosiddetta “Pasquetta”, il giorno successivo alla Pasqua chiamato anche lunedì di Pasqua e nel calendario liturgico cattolico, lunedì dell’Ottava di Pasqua.
Le celebrazioni di quest’anno ricadono nel secondo anno di pandemia e oggi si ricorda l’incontro dell’angelo con le donne giunte al sepolcro di Gesù. L’episodio viene raccontato nel Vangelo e vede protagoniste Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo e Giuseppe, e Salomè che recandosi nel luogo dove era sepolto Gesù, con degli olii aromatici per imbalsamare il corpo, vi trovarono il grande masso che chiudeva l'accesso alla tomba spostato.
Le donne si chiesero subito cosa fosse successo, ed in quel momento apparve loro un angelo che disse: «Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso. Non è qui! È risorto come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto» (Mc 16,1-7). E aggiunse: «Ora andate ad annunciare questa notizia agli Apostoli». Subito, le donne andarono a raccontare quanto accaduto agli altri.
Da qui, l'espressione "lunedì dell'Angelo", diffusa comunemente in Italia, che ne fa una citazione tradizionale, seppur non appartenente al calendario liturgico della Chiesa cattolica. Il lunedì di Pasqua, inoltre, è stato introdotto dallo Stato italiano come festività civile nel dopoguerra ed è festivo in diversi Paesi.

Immagine: Le donne mirofore al sepolcro di Cristo. (icona di scuola russa)

Articoli Correlati

Monsignor Vittorio Mondello: «Fede e magistero, ecco chi è il vescovo»

«Il vescovo è principio e fondamento visibile dell’unità della Chiesa particolare, come il Papa è principio e fondamento visibile della Chiesa Universale». Cosa significa tutto questo? A spiegarlo è monsignor Vittorio Mondello, arcivescovo emerito della diocesi di Reggio Calabria – Bova ed ecclesiologo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.