Avvenire di Calabria

La nomina risale alla scorsa estate, ma - per via delle difficoltà legate al coronavirus - il missionario reggino è rientrato solo adesso in Italia

Ortì finalmente abbraccia il suo nuovo parroco: ecco don Claudio Roberti

Don Roberti ha svolto una trentennale attività in Madagascar dove ha vissuto l'esperienza dell'evangelizzazione e della carità

di Davide Imeneo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La pandemia da Covid-19 ha condizionato pesantemente la vita delle comunità parrocchiali, ed il caso di Ortì è emblematico da questo punto di vista. Don Claudio Roberti, sacerdote reggino e missionario fidei donum in Madagascar, sarebbe dovuto rientrare in diocesi durante la scorsa estate, poiché aveva concluso il suo ministero presso la diocesi di Moramanga.

L’arcivescovo Morosini, nelle nomine dei parroci annunciate ad agosto, aveva già comunicato che monsignor Roberti, che ha svolto la sua missione in Madagascar per ben 29 anni, sarebbe stato il nuovo parroco di Ortì, frazione aspromontana di Reggio Calabria. Questa volontà di monsignor Morosini è stata poi confermata nel decreto di nomina a parroco ratificato lo scorso 1 ottobre, ma, purtroppo, non è stato possibile dare esecutività alla disposizione arcivescovile. Infatti, don Claudio Roberti, a causa della recrudescenza della Pandemia, ha potuto lasciare il Madagascar in sicurezza soltanto due settimane fa e, martedì scorso, è stato accompagnato dall’amministratore apostolico Morosini nella parrocchia che gli era stata affidata.

Durante questi mesi la comunità parrocchiale non è rimasta senza guida. Con uno straordinario esempio di generosità sacerdotale, don Francesco Marrapodi, economo e vice rettore del Seminario, ha garantito la cura pastorale, svolgendo anche i lavori di risistemazione della canonica. La comunità parrocchiale di Ortì ha ringraziato don Francesco ed ha, finalmente, accolto don Claudio Roberti.

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.