Pellegrinaggio della diocesi di Mileto sui luoghi di san Gerlando – avveniredicalabria

avveniredicalabria

A guidare il momento di conoscenza del patrono di Agrigento è stato monsignor Luigi Renzo

Pellegrinaggio della diocesi di Mileto sui luoghi di san Gerlando

Raffaele Iaria

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un pellegrinaggio intenso e bello quello della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea sui luoghi di san Gerlando, patrono della diocesi di Agrigento. A guidare il pellegrinaggio e a presiedere la solenne celebrazione eucaristica nella festa del patrono, nella Chiesa S. Alfonso – la cattedrale non è agibile da ormai sei anni - il vescovo mons. Luigi Renzo. Accanto a lui l’arcivescovo di Agrigento, il card. Francesco Montenegro che nel suoi saluto ha ricordato i legami tra le due diocesi. “Con la diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea abbiamo in comune il passaggio di San Gerlando e la sua opera di evangelizzazione dopo stagioni storiche segnate da gravi difficoltà. Ma non solo questo; seppure dalla restaurazione ecclesiale voluta dai normanni siano passati diversi secoli e sebbene le nostre due diocesi siano separate da un centinaio di chilometri, pensiamo di condividere diversi aspetti della vita pastorale. Ci accomuna l’appartenenza al meridione d’Italia – ha detto Montenegro - segnato da problematiche sociali pesanti come la mancanza di lavoro, l’influenza delle organizzazioni malavitose e una diffusa crisi di speranza. Facciamo i conti – ha aggiunto il porporato - con un passaggio epocale fra i più complessi degli ultimi secoli e, rispetto al quale, non intravediamo segnali di cambiamento. Nella logica del Vangelo insieme a voi, anche dentro questa celebrazione, ci piace condividere il desiderio di una chiesa che non smette di essere lievito alla pasta e piccola fiammella in mezzo a fitte nubi”. Il card. Montenegro ha quindi affidato all’intercessione di san Gerlando, “uomo semplice e forte, coraggioso e pino di carità, intraprendente e paziente” le due diocesi: “a lui che le ha guidate con saggezza vogliamo chiedere che le sostenga e non ci faccia mai mancare ‘l’olio della consolazione e il vino della gioia’”. Un legame quello tra le diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea e Agrigento ricordato anche da mons. Renzo: “siamo riunite, insieme godendo entrambe dell’opera di San Gerlando, anche se in tempi diversi, per manifestare la nostra gratitudine e devozione a questo santo. La sua presenza a Mileto è stata preziosa e incisiva perché si trattò di impiantare la nascente diocesi. Trasferito poi qui si trovò a dovere rilanciare e sistemare la diocesi di Agrigento dopo lo sfacelo della dominazione araba”. Il vescovo calabrese ha quindi sottolineato che per “noi la normalità deve essere la santità, questo è il richiamo che continua a rivolgerci San Gerlando. Non siamo santi perché non facciamo peccati ma perché abbiamo il coraggio di riprenderci dai momenti in cui cadiamo nell’errore. Fedeltà e coerenza è questo quello che ognuno di noi deve testimoniare. È questa la chiesa che ognuno di noi si aspetta di avere al proprio fianco. Una chiesa con il volto di mamma”. Tra le due diocesi anche uno scambio di doni: il card. Montenegro ha regalato a mons. Renzo un pastorale in legno. Il vescovo calabrese ha invece portato in dono al porporato e alla diocesi agrigentina un quadro, realizzato da un pittore calabro, raffigurante S. Gerlando con alle spalle le Cattedrali di Mileto e di Agrigento.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.