Avvenire di Calabria

L'istituto con aule e laboratori è stato costruito dall’Associazione Semi di pace e finanziato dalla Cei

Primi studenti diplomati nella scuola «Papa Francesco» in Congo

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Ada Serra* - Si sono appena diplomati i primi studenti dell’istituto secondario “Papa Francesco” nel quartiere di Mikondo alla periferia di Kinshasa, capitale della Repubblica democratica del Congo. La scuola, inaugurata nel 2015, è stata costruita dall’Associazione Semi di pace International di Tarquinia (Vt) con fondi Cei 8xmille, per un progetto da circa 250mila euro. A gestirla sono le suore missionarie dell’ordine Figlie della Passione di Gesù Cristo e di Maria Addolorata.

L’edificio, di due piani, ha dodici aule, un laboratorio informatico, uffici e servizi per seicento studenti. “Era il 2012 quando, durante un viaggio in Congo insieme ad altri volontari di Semi di Pace, incontrai suor Estela, dagli occhi vivaci e molto attenta – racconta Giancarlo Andreoli, responsabile della Cittadella di Semi di pace a Tarquinia –. Mutuando Martin Luther King, mi espresse un sogno: una scuola superiore che permettesse ai suoi alunni di continuare gli studi. Gli ho assicurato che avrei portato a Tarquinia il suo sogno”. E chiosa: “Vedere oggi la foto dei ragazzi diplomati mi riempie di gioia e soddisfazione.

Il sogno di suor Estela si è realizzato, con la collaborazione di molti, dando la possibilità a quei ragazzi di essere il futuro per il proprio Paese, un faro luminoso che può indicare percorsi di pace e di sviluppo”. L’impegno di Semi di pace, radicato in più ambiti di servizio in Italia, dal 1980 ha inoltre progetti in vari continenti mirati a diffondere una cultura della solidarietà, della pace e della condivisione.


*Agensir

Articoli Correlati

Il diario della Polizia di stato entra nelle scuole di Reggio Calabria

Il “Mio Diario” della Polizia di Stato entra anche nelle aule delle scuole di Reggio Calabria. Si tratta di un’iniziativa giunta alla nona edizione e svolta in collaborazione con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato.