Avvenire di Calabria

I decreti di nomina hanno decorrenza a partire da oggi, 31 luglio

Pubblicate le prime nomine dell’arcivescovo Morrone

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’arcivescovo metropolita di Reggio Calabria – Bova, monsignor Fortunato Morrone, ha predisposto i primi decreti di nomina riguardanti alcuni ministeri e servizi svolti da sacerdoti all’interno della compagine diocesana. La notizia è stata pubblicata sul sito della Diocesi.

La comunità del Seminario, a partire da oggi, avrà un nuovo rettore. Si tratta di don Nino Pangallo, parroco di San Giorgio Extra e direttore della Caritas diocesana. Don Nino subentra a don Salvatore Santoro, delegato ad omnia, che ha concluso due mandati alla guida della comunità del Pio XI.

L’arcivescovo Morrone ha anche provveduto a nominare il suo segretario particolare. Termina oggi, infatti, il servizio prestato da don Alessandro Saraco, sacerdote crotonese che ha accompagnato il presule in questi primi due mesi in riva allo Stretto. Il nuovo segretario è don Nino Ventura, parroco di Cardeto e assistente del Movimento studenti di Azione Cattolica. Anche questa nomina è con decorrenza 31 luglio.

Infine, già da maggio scorso, la Fondazione pontificia “Centesimus annus pro Pontifice” aveva richiesto la nomina di un assistente diocesano indicato nella persona del sacerdote don Nuccio Cannizzaro, che è membro della Fondazione. L’arcivescovo ha provveduto a ratificare la nomina richiesta.

Articoli Correlati

Morrone scrive agli studenti

Morrone scrive agli studenti: «Siate costruttori di un mondo umano»

La lettera inviata dal presule reggino in occasione dell’apertura dell’anno scolastico. L’invito a ripartire dopo il Covid: «Il desiderio di vivere insieme, di condividere una comune avventura, è grido insopprimibile dell’anima acutizzato dalla pandemia, segnalandoci che le relazioni sono come l’ordito e la trama che strutturano il nostro tessuto umano, il tuo»

'Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

‘Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

La ‘ndrangheta si combatte attraverso un’azione pedagogica e liberante. La Chiesa calabrese in campo con nuove norme. Tra i provvedimenti proposti anche la nascita di Commissioni diocesane e sportelli di advocacy per quanti denunciano i clan.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.