Avvenire di Calabria

L'analisi sulle prime cinque gare amaranto in vista del Monopoli

Reggina, avvio di stagione incoraggiante

Enzo La Piana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Reggina, il bilancio dell'avvio, è positivo. Cinque punti in classifica, alla quarta di campionato, considerato il valore delle avversarie affrontate, è soddisfacente visto l'obiettivo della salvezza degli amaranto. Nelle ultime tre gare il collettivo di Zeman ha tenuto bene il campo, badando ad essere il più concreto possibile, nonostante qualche ingranaggio non ancora perfettamente rodato. Considerando che il modulo zemaniano vuole che molti uomini presidino la metà campo avversaria alla ricerca di trame offensive pungenti, la Reggina sin qui vista non ha concesso moltissime occasioni agli avversari. Facendo una piccola analisi, si può osservare che le due occasioni avute dal Messina, sono state frutto di due palloni persi a metà campo, ad Agrigento qualche momento negativo in più c’è stato specie nella prima frazione. Con il Catania, la prestazione - in fase di non possesso - è stata invece convincente, ad eccezione della distrazione sulla rimessa laterale che ha originato il vantaggio etneo, e del palo colpito dagli ospiti, il cui collettivo non si scopre oggi. La squadra dello Stretto, a dispetto dei tempi ristretti di assemblaggio, sta assumendo una sua connotazione ben precisa, con un’impianto stabile, cosa che da anni ormai non si vedeva al Granilloe. Il sudare e faticare uniti, da parte dei ragazzi del Presidente Praticò, è dimostrazione di attaccamento a quella maglia amaranto, che anche sporca di fango, non è mai tramontata nei sogni e nei pensieri di tutti i tifosi e della Sud, in particolare, che ha sempre accompagnato e scritto pagine indelebili nel libro della ultra centenaria storia amaranto.

Articoli Correlati

Sport, Condipodero: «Investire su infrastrutture e servizi»

“In Calabria sono necessari due tipi di investimento: infrastrutturali e sociali. Occorre una pianificazione regionale che vada oltre il livello comunale. Sul piano sociale, credo che il Recovery possa essere adottato per migliorare i servizi”.

Sport dopo il Covid, Bosio (Csi): «Pagine da scrivere»

Attività fisica, condivisione, accoglienza e valori. Molti aspetti da reinventare alla luce delle nuove esigenze di una società post-pandemia. “Dovremo avere grande capacità di ascolto, dei ragazzi prima di tutto”.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.