Avvenire di Calabria

Deceduto il Capo dei Capi di Cosa Nostra, le esequie saranno private

Riina, Cei nega i funerali pubblici: «Chiesa contro la mafia»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La condanna della mafia da parte della Chiesa è chiarissima. Alla luce di questa posizione, sono da escludere funerali pubblici per Riina“. Lo spiega all’agenzia Askanews il portavoce della Conferenza episcopale italiana, don Ivan Maffeis. “Alla Chiesa sta a cuore l’educazione delle coscienze, l’educazione alla legalità, sostenere le tante persone che alzano la testa contro la mafia“, spiega il sacerdote. Altro, prosegue don Maffeis, sarebbe, se la famiglia lo chiedesse, “la presenza di un sacerdote per accompagnare con la preghiera la salma”, cosa che “non si può negare a nessuno“. Per il portavoce della Cei, anche per un boss mafioso “ovviamente c’è il tribunale di Dio, al quale non ci sostituiamo, ma dobbiamo considerare anche l’importanza dei segni”. E “i funerali pubblici per Riina sarebbe un segno che confonde”.

Articoli Correlati

Monsignor Vittorio Mondello: «Fede e magistero, ecco chi è il vescovo»

«Il vescovo è principio e fondamento visibile dell’unità della Chiesa particolare, come il Papa è principio e fondamento visibile della Chiesa Universale». Cosa significa tutto questo? A spiegarlo è monsignor Vittorio Mondello, arcivescovo emerito della diocesi di Reggio Calabria – Bova ed ecclesiologo.

Oggi come allora: viva Falcone e Borsellino

L’ultimo struggente discorso pubblico di Paolo Borsellino, pronunciato il 20 giugno 1992, davanti ai palermitani ancora sotto shock per la strage di Capace, di cui oggi ricorre il 29esimo anniversario.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.