Avvenire di Calabria

Il tema scelto per l'incontro è «Caritas è cultura: quale impegno per il nostro territorio oggi?»

Rossano, don Panizza ospite del convegno con le Caritas locali

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nell’anno pastorale trascorso, la Caritas diocesana di Rossano si è dedicata alla conoscenza della situazione delle caritas parrocchiali. Un percorso necessario e formativo dal quale sono emersi interessanti spunti di riflessione che hanno permesso all’Ufficio Caritas di mettere a punto delle linee guida che possono diventare utile strumento per le parrocchie. L’analisi dei dati raccolti nell’ambito della formazione 2018/2019 saranno illustrati nel corso del Convegno diocesano della Caritas parrocchiali del territorio rossanese che si terrà venerdì 15 novembre 2019 a partire dalle 15.30 nella Parrocchia Santa Maria ad Nives – frazione di Schiavonea – Corilgiano Rossano. Ospite d’eccezione don Giacomo Panizza, fondatore e presidente della Comunità “Progetto Sud” di Lamezia, una comunità autogestita insieme a persone con disabilità e contribuisce a diverse iniziative della Caritas italiana e dalla Calabria. Di lui si parla come il “prete che sfidato la ‘ndrangheta”, finendo sotto scorta poiché nel 2002 spezzando il muro di paura e omertà decise di occupare con la sua associazione uno degli edifici sequestrati alla ‘ndrangheta. Il tema scelto per il convegno è: “Caritas è cultura: quale impegno per il nostro territorio oggi?”.
Ecco i dettagli del programmaQuesto il programma: l'introduzione sarà curata da Rosa Occhiuzzo, presidente dell'associazione "Tenda" a cui seguirà la Lectio Divina di monsignor Giuseppe Satriano, arcivescovo di Rossano. Poi l'intervento di don Panizza che aprirà alle attività laboratoriale. La conclusione della giornata è dedicata alla presentazione della Piattaforma Caritas.

Articoli Correlati

L’Unitalsi Calabria ha un nuovo assistente

Durante i lavori della prima assemblea del 2023, il benvenuto al nuovo assistente spirituale e il ringraziamento a don Gianni Polimeni, «per anni guida costante e rassicurante».