Avvenire di Calabria

Due persone ustionate sono state ricoverate all'ospedale di Polistena

San Ferdinando, tendopoli in fiamme: morta una donna

Il campo, composto da baracche in legno e cellophane, è andato a fuoco più volte, anche recentemente

Toni Mira

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un terribile incendio scoppiato poco dopo le due di notte ha distrutto gran parte della tendopoli/baraccopoli di San Ferdinando che attualmente ospita 2.300 migranti che lavorano nelle campagne di Rosarno e degli altri paesi della Piana di Gioia Tauro. Tra le fiamme è morta una donna, mentre altre due persone ustionate sono state ricoverate all'ospedale di Polistena. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, sono intervenuti polizia e carabinieri che non si sbilanciano sulle cause dell'incendio che sarebbe partito dall'interno dell'insediamento.

Non è il primo incendio a colpire l'insediamento. Il 3 luglio 2017 le fiamme avevano distrutto quasi tutto le baracche che però in questi mesi sono rinate e più che raddoppiate. Questa volta l'incendio è più grave perché ha distrutto anche molte delle tende messe nel 2010 dopo la rivolta dei migranti contro sfruttamento e violenze. Sono così centinaia ora senza un pur precario ricovero e sarà difficile trovare una soluzione visto che le altre strutture che li ospitano, nuova tendopoli e due capannoni sono quasi pieni. Il prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, ha convocato un comitato per l'ordine e la sicurezza e vedremo quali decisioni saranno prese. Qui nella Piana di notte il termometro scende a 3 gradi e da oggi si annuncia pioggia.

Un primo intervento arriva dalla Protezione civile regionale. Come ci spiega il responsabile Carlo Tansi, sarà montata una tensostruttura con brandine per 600 posti e una cucina da campo capace di 500 pasti, già arrivata sul posto. Ma oltre all'alloggio e al vitto, c'è un altro grave e urgente problema. Tra le fiamme i migranti hanno perso anche tutti i documenti, compreso il preziosissimo permesso di soggiorno (qui sono tutti regolari). Ed è quello che stanno chiedendo con insistenza e preoccupazione agli uomini delle forze dell'ordine presenti in modo discreto per evitare tensioni.



Articoli Correlati

Tags:

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.