Avvenire di Calabria

Il vescovo emerito di Palestrina tra i protagonisti degli incontri promossi dalla scuola

Settimana della Cultura, gli studenti dell’Istituto Righi a confronto con monsignor Sigalini

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Maturi, desiderosi di apprendere, partecipi e pieni di entusiasmo. Così sono stati gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Augusto Righi” di Reggio Calabria durante la  settimana della cultura, che ha visto numerosissimi ospiti e confronti in diretta.

Tutto on line e curato nei minimi dettagli. La settimana della cultura, ha detto la dirigente dell’Istituto Maria Daniela Musarella, è stata una vera  e propria risorsa per le studentesse e per gli studenti poiché hanno approfondito temi importanti per la loro crescita umana e culturale. Un vero e proprio successo che, ancora una volta, evidenzia come i ragazzi siano molto sensibili e profondi, avendo scelto con i docenti referenti argomenti impegnativi. I giovani sono stati i veri protagonisti ed hanno dato il meglio partecipando ai diversi eventi.

La professoressa Immacolata Bruzzese, funzione strumentale “rapporti con gli studenti” dopo aver riunito rappresentanti di classe e di istituto per capire i loro interessi e bisogni ha definito con loro il programma che ha visto ospiti come Angelo Stera, psicologo di Torino, Domenico Sigalini, Vescovo emerito di Palestrina, Lucia Lojacono, direttrice del Museo Diocesano, Vincenzo Malacrinò, esperto di comunicazione, Gaetano Massara, arbitro professionista, Daniela Ceci, del centro contro la violenza alle donne “Roberta Lanzino” di Cosenza e molti altri.

Diversi i temi affrontati: attualità, legalità, scienza, tecnologia, cultura, spiritualità, giornalismo e molto ancora. Due filoni portanti a sostenere la grande impalcatura progettata nel dettaglio dall’Istituto “Augusto Righi”: legalità e del mondo virtuale.  Molte le analisi e i dibattiti su temi forti come la violenza, il femminicidio, il rispetto delle regole, la spiritualità, le tecniche di comunicazioni, i beni monumentali, temi scientifici di ampio respiro senza tralasciare gli argomenti legati ai diversi indirizzi presenti nella scuola a cui hanno provveduto, così come affermato dalla Musarella, in modo brillante, i docenti di indirizzo.

Significativo l’apporto del professore Stefano Costantino, animatore digitale dell’Istituto, nel definire i diversi collegamenti. Siamo cresciuti, dicono i ragazzi, ci sentiamo più ricchi e maggiormente consapevoli.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.