Torna il libreria «In viaggio con la zia» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

In ricordo della grande giornalista e scrittrice Adele Cambria

Torna il libreria «In viaggio con la zia»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Antonella Cuzzocrea - Come possono essere conciliati gli interessi di due adolescenti del nuovo millennio con i miti dell’antica Magna Grecia? I temi del femminismo sessantottino con la moderna musica «burina»? È quello che riesce a fare Adele Cambria nel libro: In viaggio con la Zia. Con due bambine alla scoperta del mito in Magna Grecia (Città del Sole edizioni). La zia in questione è proprio lei, Adele, alle prese con due nipotine immaginarie. Nora, figlia unica di sua sorella minore, sempre pungente e polemica; e Yelena, «piccola sognante russa di Leningrado» avuta in affidamento temporaneo.

Le tre compagne d’avventura sono in viaggio tra Calabria e Sicilia e fanno tappa nelle più belle città costiere: «Andremo alla scoperta di donne dimenticate, eppure presenti nella memoria dei luoghi, dee, amazzoni, ninfe, filosofe, regine, seduttrici, poetesse … […] ci immergeremo nel mare della Storia sconosciuta delle donne, viaggiando per l’Italia… Cominceremo dalla Magna Grecia!» E in questo modo il viaggio si rivela non solo culturale, ma in parte anche autobiografico; perché Adele Cambria, nata a Reggio Calabria e formatasi in Sicilia, grazie a questo libro e a questo viaggio va alla riscoperta anche di se stessa, delle proprie origini e della propria formazione intellettuale e personale, che l’hanno resa quella donna forte e decisa che ha saputo farsi valere anche in campo professionale.

Diventata una tra le principali firme rosa del giornalismo in Italia, collaborò con le maggiori testate nazionali. Di indole testarda e indipendente ha lavorato per la Rai, realizzando tre trasmissioni televisive per raccontare l’immagine e la vita del Sud che tanto amava (Trittico meridionale). È solo dopo aver conosciuto la figura mirabile di Adele Cambria, scomparsa a Roma nel 2015 che si capisce quanto lei stessa diventi a sua volta protagonista del racconto, moderna eroina fuoriuscita dalle storie millenarie che lei stessa rievoca, in quei luoghi assolati a lei così cari.

Articoli Correlati

Il libro, ecco il Leonardo dell’Alto Medioevo

Il volume è composto di più contributi sulla sua figura poliedrica: “Fu cancelliere di Teodorico fine letterato, biblista primo umanista, amato e studiato dai più colti. Modello di vita e santità”. Il Vivarium, a Squillace, fu da lui fondato”.

«Behind the fence – diario di un prigioniero di guerra»

L’associazione Capys presenta il libro postumo di Biagio Monteleone, poeta, scritto e professore di Scido. L’evento sarà condotto dalla poetessa e scrittrice reggina Angela Zumbo, con l’intervento della figlia dell’autore Carmen Miranda Monteleone.

Tags:

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.