Avvenire di Calabria

Usura: Roma, martedì si presenta “Liberi dal debito. Cause e rimedi di un fenomeno sommerso” di Maurizio Fiasco e Michela Di Trani

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Martedì 9 luglio, alle ore 18.30, a Roma presso il santuario S. Maria del Divino Amore (via del Santuario, 10) si svolgerà la presentazione del libro “Liberi dal debito. Cause e rimedi di un fenomeno sommerso” di Maurizio Fiasco e Michela Di Trani.
Dialogheranno con gli autori il card. Enrico Feroci, rettore del santuario del Divino Amore, mons. Dario Gervasi, vescovo ausiliare di Roma, Piero Di Domenicantonio, coordinatore dell’Osservatore di strada, mensile dell’Osservatore Romano, Carlo Cefaloni, giornalista di Città Nuova del Movimento dei Focolari, Giustino Trincia, presidente della Fondazione Salus Populi Romani e direttore della Caritas diocesana di Roma.
Al centro dell’evento e del libro l’analisi e la riflessione sul fenomeno dell’usura, oggi in crescita vertiginosa: a causa dell’inasprirsi della crisi politica ed economica internazionale il numero delle famiglie e piccole imprese che versano in condizione di indebitamento patologico è aumentato in modo drammatico, con la conseguenza di un ricorso sempre più frequente al prestito usuraio.
Così infatti Maurizio Fiasco, consulente delle Fondazioni antiusura, dettaglia nel testo “Liberi dal debito. Cause e rimedi di un fenomeno sommerso” (Edizioni Città Nuova, 2024) scritto con Michela Di Trani, portavoce della Consulta nazionale antiusura “San Giovanni Paolo II” : “In primo luogo, che vi è una crescita della povertà assoluta, a causa dell’inflazione. Nel 2022 erano in condizione di povertà assoluta poco più di 2,18 milioni di famiglie (8,3 per cento, in crescita rispetto al 7,7 nel 2021) e oltre 5,6 milioni di individui (9,7 per cento, in crescita rispetto al 9,1 per cento dell’anno precedente). Alla povertà assoluta si accosta la povertà relativa, che si attesta al 10,9 per cento (stesso livello del 2021) e riguarda 2,8 milioni di famiglie. Fatte le somme (ma evitando di confondere le due dimensioni delle povertà), il totale delle famiglie sotto la soglia di povertà è di 4 milioni e 988mila”.
Il saggio vuole essere una guida per comprendere i termini della situazione: nella prima parte si delinea una fotografia della situazione attuale con una ricostruzione delle sue radici storiche e le cause; nella seconda parte si documenta il lavoro delle trentaquattro fondazioni antiusura riunite nella Consulta nazionale antiusura che forniscono strumenti di accompagnamento e garanzie in favore di persone sovra indebitate.

Fonte: Agensir

Articoli Correlati

Tags: