Avvenire di Calabria

L'iniziativa fortemente voluta dal Prefetto di Reggio Calabria, Michele Di Bari (nella foto)

Vacche sacre, nasce la Task Force contro il simbolo dei clan

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A seguito del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenuto nei giorni scorsi a Cittanova, presieduto dal Prefetto Michele di Bari, ieri in Questura si è svolto un tavolo tecnico che ha istituito una Task Force con l’obiettivo di debellare il fenomeno dei bovini vaganti in alcuni territori della provincia reggina. Alla riunione, presieduta dal Questore Raffaele Grassi, erano presenti i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Comandante del Gruppo Carabinieri Forestali, il Comandante della Polizia Metropolitana, rappresentanti della Protezione Civile, dell’ASP Provinciale di Reggio Calabria, dell’ANAS, di “Calabria Verde” e dell’Ente Parco Nazionale Aspromonte, nonché i Sindaci del Comune di Cittanova, Molochio e Terranova Sappo Minulio. In sede di discussione sono state tracciate le linee d’intervento che hanno fissato le priorità e gli obiettivi primari da raggiungere ai fini del monitoraggio, della prevenzione e della repressione del c.d. fenomeno delle “vacche sacre”. La Task Force pertanto risulta composta da personale della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, dei Carabinieri Forestali, della Guardia di Finanza, della Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, da medici veterinari dell’ASP provinciale di Reggio Calabria, con la collaborazione dei Comuni di Cittanova, Molochio e Terranova Sappo Minulio, di “Calabria Verde” e dell’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte. Gli obiettivi dell’unità interforze saranno quelli di individuare i bovini, sedarli e trasportarli in sicurezza presso apposite stalle ricovero. La linea d’intervento è stata pienamente condivisa dai Sindaci presenti alla riunione che ne hanno accolto le strategie operative assicurando il proprio impegno e la propria disponibilità ad adottare interventi di competenza per la prevenzione della sicurezza stradale nelle arterie sensibili. Pertanto, massima è l’attenzione che la “Squadra Stato” rivolge al fenomeno delle vacche sacre ed ai relativi problemi di sicurezza per l’incolumità pubblica. I servizi, che saranno avviati il prossimo mercoledì ed avranno cadenza sistematica, rappresentano un segnale fermo e deciso che le Istituzioni voglio dare per contrastare un fenomeno di arroganza ‘ndranghetistica che attraverso le vacche sacre intende esercitare forme di controllo del territorio.

 

Articoli Correlati

Il saluto di Di Bari alla Città: «La cultura vi salverà»

Intervista al prefetto che andrà a dirigere il dipartimento del Viminale per le libertà civili e l’immigrazione, dopo aver passato tre anni intensi e pieni di attività in riva allo Stretto. «La squadra-Stato ha scritto una pagina di storia»

L’arcivescovo saluta il prefetto Michele Di Bari

Il presule ha voluto ringraziare il rappresentante del governo per la proficua attività svolta a favore della comunità e gli ha augurato buon lavoro per il nuovo e prestigioso incarico di capo dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.