Avvenire di Calabria

Il giovane reggino sarà ordinato sacerdote il prossimo 8 marzo in Cattedrale da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini

Verso l’Ordinazione. La testimonianza del seminarista reggino Davide Tauro

Le parole del seminarista ad Avvenire di Calabria: «Il dono più grande di tutta la vita. Ricevere la chiamata del Signore»

di Davide Tauro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non è semplice mettere per iscritto quello che passa nel cuore e nella mente in questi giorni speciali. È immensa la gratitudine nei confronti del Signore per avermi preso per mano e per avermi paternamente condotto in questi anni. È forte anche la consapevolezza della mia piccolezza di fronte ad un dono così grande come è quello del sacerdozio. Sono particolarmente grato al Signore per il dono dei fratelli che ha messo sulla mia strada e con i quali ho avuto modo di confrontarmi e di crescere insieme umanamente e spiritualmente. Ringrazio la mia famiglia - fondata sulla roccia dell’amore e dei valori cristiani che ha accolto sempre di buon grado e con grande discrezione la mia decisione.

Da quando ho sentito che il Signore mi chiamava al sacerdozio a quando sono stato accolto in Seminario, da quel giorno ad oggi mai il Signore mi ha abbandonato. Lui ha voluto volgere il suo sguardo su di me! Lui mi ha chiamato a seguirlo! La mia storia vocazionale è iniziata in parrocchia, quando fin da piccolissimo ho risposto alla chiamata del Signore mettendomi al suo servizio come ministrante. Il Signore mi ha guidato, mi ha sempre accompagnato nel corso di questi anni: nella lunga esperienza nei gruppi di Azione cattolica, negli anni della formazione universitaria nella Fuci, una realtà che ha contribuito alla mia formazione umana e spirituale.

È in essa che ho approfondito culturalmente il mio credere ed è in essa che ho scoperto la mia vocazione un po’ alla volta, portando a compimento il percorso di studi in Giurisprudenza. La costanza nella ricerca e la libera risposta alla chiamata - certamente “non meritata”, ma gratuita - non sarebbero stati possibili senza un continuo rapporto con il Signore e soprattutto senza l’aiuto del mio parroco don Luigi Cannizzo, vero punto di riferimento nella mia vocazione. Grazie di cuore all’arcivescovo monsignor Giuseppe Fiorini Morosini che mi ha accolto in Seminario, grazie di cuore al rettore monsignor Salvatore Santoro e all’intera équipe educativa che con pazienza hanno curato la mia formazione.

Ed è proprio in Seminario che ho imparato ad accogliere e custodire il mio “Sì”, nella quotidianità scandita dalla preghiera e dalla vita comunitaria, dallo studio e dal servizio. Non sono mancati i dubbi e la fatica nel comprendere l’agire di Dio, ma ho sempre custodito l’intima certezza che Dio mi invita a seguirlo e a servirlo. Oggi più che mai, mi conforta ciò che Gesù disse ai suoi discepoli: «Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena».

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.