Avvenire di Calabria

Nei giorni scorsi a Rho (Milano) si è tenuto il consueto incontro nazionale delle Caritas diffuse sul territorio nazionale

L’esperienza di Winner Ozekhome, delegato reggino all’incontro nazionale Caritas

In rappresenta dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova ha partecipato il giovane Winner Ozekhome: ecco la sua esperienza

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nei giorni scorsi a Rho (Milano) si è tenuto il consueto incontro nazionale delle Caritas diffuse sul territorio nazionale. In rappresenta dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova ha partecipato il giovane Winner Ozekhome che ci ha raccontato la sua esperienza.

Winner Ozekhome racconta le tre vie della Caritas

Tra i partecipanti per la delegazione reggina Caritas al 42esimo Convegno nazionale delle Caritas diocesane che si è svolto a Rho (Milano) dal 20 al 23 giugno 2022, c’è stato anche Winner Ozekhome, giovane volontario alla prima esperienza di confronto allargato fra tanti altri giovani delle Caritas italiane.

Più di 600 partecipanti per approfondire il tema delle tre vie che papa Francesco ha indicato nel suo discorso lo scorso anno, in occasione del 50esimo anniversario di Caritas italiana.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Si parte dalla via degli ultimi, quelli più fragili, quelli senza difesa, quelli senza voce, la seconda via è quella del Vangelo, perché è lo stile dell’amore umile e gratuito, concreto ma non appariscente, che si propone ma non si impone. La terza via è quello della creatività, è la via di scoperta, capacità di pensiero, capacità di trasformare e creare dei luoghi per la natura.

«Come giovani abbiamo vissuto uno spazio con tutti i delegati giovani e abbiamo avuto l’opportunità di dialogare, raccontarci e scambiare le nostre esperienze e idee di servizio nelle nostre Caritas diocesane» ha dichiarato Winner Ozekhome. «Parlando sempre delle “tre vie”, abbiamo avuto l’opportunità di discutere in gruppi tre aspetti: il significato di “Partire dagli ultimi”, come è possibile “Lo stile e il riferimento effettivo e quotidiano al vangelo” e quando si “Favorisce la creatività”» aggiunge il volontario reggino che aggiunge: «Nel gruppo di lavoro sulla creatività abbiamo discusso sugli spunti e piste per la Caritas del futuro ».

Nello specifico è emerso che bisogna «Iniziare a ideare tramite la lettura dei bisogni e dei processi di cambiamento, costruzione di reti (confronto) e fare spazio ai desideri; continuare a fare prossimità curando il territori/comunità, affermando la dignità dell’uomo e i suoi diritti, e uscire incontro agli ultimi; ridurre servizi tramite ottimizzazione delle risorse, sinergia di rete e introduzione dei processi di verifica».

E ancora: «smettere di fare supplenza facendo più advocacy, richiamando ad una corresponsabilità e aumentare coinvolgimento tramite collaborazione intergenerazionale, comunicazione efficace, promozione dei processi partecipativi e formazione e aggiornamenti » ha concluso il giovane delegato della Caritas reggina.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Sperimentarsi nel servizio ai più fragili? L’opportunità arriva dalla Caritas


La musica unisce, unisce una violista russa e un violista ucraino che con loro suoni hanno creato un’atmosfera in cui richiamano unità del loro paese in guerra. È stato un momento forte perché hanno dimostrato che la diversità unisce, e che la guerra divide. «E come nella guerra, prestiamo più attenzione ai momenti di crisi ambientali, energetico e alimentare, perché in presenza di queste crisi sono gli ultimi ad essere colpiti molto di più» ha chiosato Winner Ozekhome.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.