Avvenire di Calabria

Serviranno a sostenere progetti di inclusione e assistenza alle fasce più deboli della popolazione

4,5 milioni di euro al terzo settore reggino, grazie al bando “Reggio Resiliente”

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

4,5 milioni di euro al terzo settore reggino. Risorse previste nel bando “Reggio Resiliente” presentato in questi giorni a Palazzo San Giorgio. Si tratta di un nuovo strumento messo a disposizione dal Comune di Reggio Calabria, grazie ad un finanziamento del Pon Metro asse inclusione che consentirà di indirizzare milioni di risorse alle realtà del terzo settore della città di Reggio Calabria.

Un sostegno concreto al terzo settore

Un sostegno concreto ad enti, cooperative e associazioni che operano nel campo del sociale, dello sport, della cultura, premiando con un supporto economico progetti virtuosi di inclusione e di socialità, a partire dalle aree più disagiate del territorio comunale. Non è un caso che l’assessore al Welfare, Demetrio Delfino l’abbia definito «uno strumento davvero importante, un sostegno concreto che si inserisce in un ambito, quello del sociale, dello sport, della cultura e dell’inclusione, per progetti che potranno essere realizzato fino all’ottobre del prossimo anno». Insomma, «una boccata d’ossigeno per chi è rimasto indietro, soprattutto – ancora le parole di Delfino – dopo questo lungo periodo di difficoltà, dovuta alla crisi pandemica, che ha provocato tanti disagi soprattutto alle fasce più deboli della popolazione».

Aiuto a chi dà sostegno alle persone fragili

«Sono risorse che possono rappresentare un giusto sostegno per chi da anni opera nel sociale, a quel mondo variegato dell'associazionismo, simbolo di resilienza, che opera ogni giorno, tra mille difficoltà per la crescita sociale della città» sono le parole sul bando del Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. Quasi 4,5 milioni di finanziamento per programmi di sviluppo diretti ai soggetti fragili, «a disposizione delle realtà più virtuose che si spendono quotidianamente, in maniera responsabile, per il sostegno alle persone fragili, in particolare nelle aree degradate».

Sport come inclusione sociale

Tra gli ambiti interessati al bando, c’è anche quello dello sport che costituisce un importante veicolo di inclusione sociale, «soprattutto tra i giovani ed i bambini, che sono quelli che hanno sofferto di più nell'ultimo anno e mezzo proprio a causa degli effetti della pandemia», le parole dell’assessore allo Sport Giuggi Palmenta.  

Il bando

Il Dirigente del Settore Welfare Francesco Barreca, insieme al gruppo di assistenza tecnica del Pon Metro e al team Hermes hanno curato la stesura del bando e la piattaforma di gestione per la partecipazione allo stesso.

👉 Qui tutti i dettagli del bando: http://www.reggiocal.it/on-line/Home/PrimoPiano/articolo111226.html

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.