Avvenire di Calabria

Il progetto “Coloriamo la Vita” si sviluppa attorno a due temi principali: arte e solidarietà

Abakhi è stata scelta da Banca Etica per ”Coloriamo la vita”

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’associazione di volontariato Abakhi è stata selezionata nel bando lanciato da Banca Etica. È partita la campagna di crowdfunding “coloriamo la vita: arte e solidarietà per una cultura dell’inclusione” per promuovere un’esperienza laboratoriale che animerà e colorerà “Casa di Benedetta” il luogo che accoglierà bambini e ragazzi in condizioni di estremo disagio.
Il progetto “Coloriamo la Vita” si sviluppa attorno a due temi principali: arte e solidarietà.
L’iniziativa vuole creare un processo laboratoriale aperto che valorizzi la dimensione attiva dell’accoglienza.
L’obiettivo è coinvolgere un gruppo composto da giovani immigrati e giovani della rete di partenariato, in una progettazione attiva e partecipata durante una residenza d’artista appositamente realizzata, della durata di 15 giorni, con l’ausilio di 4 artisti provenienti dal bacino del mediterraneo.
La residenza d’artista proposta, oltre ad offrire ospitalità agli artisti, vuole garantire una crescita culturale grazie alla ricerca, ai lavori prodotti dagli artisti ospitati e al coinvolgimento diretto dei giovani coinvolti e indiretto dei cittadini nelle attività correlate (mostre, laboratori, seminari, ecc).
La mobilità degli artisti, l’interscambio socio–culturale e i progetti derivati favoriscono la valorizzazione del territorio circostante diventando potenziali strumenti di crescita economica e d’innovazione.
I risultati attesi della residenza d’artista sono principalmente la realizzazione di graffiti/murales, nella struttura citata “Casa di Benedetta”, come espressione di creatività e libertà tipica del mondo giovanile; la realizzazione di un cortometraggio, da candidare nei circuiti alternativi dei Festival dei cortometraggi, come mezzo di comunicazione e diffusione per una cultura dell’integrazione e accoglienza, la realizzazione di oggettistica artistica con materiale di riuso, da utilizzare successivamente nei circuiti delle reti di negozi Equosolidali. I giovani dell’Associazione Abakhi sanno di non potercela fare da soli, e in città è partita una rete di patrocini e collaborazioni significativa.

Articoli Correlati

Apre, oggi, «La Casa di Benedetta» per i minori in difficoltà

Alessandro Cartisano, presidente di Abakhi, ripercorre i tre anni di lavoro che hanno portato all’inaugurazione di oggi: «C’è stata una vera e propria adozione di comunità a un progetto che non è dell’associazione promotrice, ma della collettività».

Apre le sue porte alla città la Casa di Benedetta

I volontari dell’Associazione Abakhi, ringraziano quanti hanno reso possibile il raggiungimento di questo ambizioso traguardo, finalmente tanti bambini e ragazzi avranno l’occasione di vivere nuove prospettive e sane esperienze.

Una serata di moda e solidarietà con le spose di Abakhi

L’evento benefico si è tenuto presso il salone degli Specchi del Miramare. La raccolta fondi è destinata alla realizzazione del progetto La Casa di Benedetta, un centro per l’accoglienza dei minori con difficoltà.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.