Avvenire di Calabria

L'associazione, guidata da don Valerio Chiovaro, dialogherà con De Bortoli e Cottarelli

Attendiamoci promuove i talk su Facebook, ecco i prossimi ospiti

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Attendiamoci non si ferma! Come fare oggi a stare vicino ai giovani in questo momento così paradossale e difficile? Cosa proporre? Come proporre? Come aiutare i ragazzi a non "sciupare" il tempo a casa ma trasformarlo in occasione di crescita? Se lo chiede l’Associazione Attendiamoci, da vent’anni impegnata in attività di affiancamento costante al mondo giovanile con proposte formative a 360 gradi. Un’associazione che vive di contatti, di vita reale, di giorno dopo giorno. 

Il 9 marzo, fatidico giorno del primo stop nazionale, anche Attendiamoci ha deciso di sospendere le tante attività in corso: i vari percorsi formativi per universitari nelle sedi di Reggio Calabria, Roma, Pavia e Milano; la preparazione del Musical “Il Re Leone” previsto per maggio con conseguente posticipo ad ottobre; le attività laboratoriali di stamperia digitale; un campus con 20 studenti universitari di Pavia sui beni confiscati a Reggio Calabria…solo per citarne alcune.  

Ecco che, nonostante la situazione attuale costringa tutti a rimanere a casa, Attendiamoci ha pensato e messo in campo varie formule per offrire contenuti e spunti formativi: dapprima proponendo semplici indicazioni sulla giornata tipo per gestire al meglio il tempo, poi con consigli su film e libri a sfondo educativo. E, da qualche giorno, coinvolgendo testimoni di spessore per utili chiacchierate in streaming, così da poterli “incontrare” nell'arena virtuale e trarre utili indicazioni dalla loro esperienza di vita. 

Nasce così la rubrica “Attendiamoci è in diretta con…”, trasmessa sulla pagina Facebook ufficiale dell’Associazione, e aperta martedì 24 marzo con Guglielmo Verdirame, professore di diritto internazionale a King’s College London e Queen’s Counsel da 20 Essex Street a Londra con una vasta esperienza nel settore.

La prima sessione è stata aperta dal Presidente di Attendiamoci ONLUS, don Valerio Chiovaro, con un messaggio di conforto e di supporto per vivere al meglio questo momento emergenziale: “...continuiamo ad aprire il cervello, il viaggio è nella testa...e i compagni di cammino sono il dono di un miracolo” e lasciando la parola al prof. Verdirame, non dopo averlo ringraziato per il tempo dedicato.   

A partire da una sua testimonianza di vita, il prof. Verdirame si è prestato alle numerose domande dei “connessi”, maggiormente studenti universitari dislocati in tutto il territorio nazionale, per un centinaio di minuti davvero intensi e partecipati, fornendo risposte puntuali ed edificanti su tutti i livelli e chiudendo il suo intervento con una esortazione al volontariato ed alla cura dell’altro. 

La rubrica “Attendiamoci è in diretta con…”, continua martedì 31 marzo alle ore 19:00 con Ferruccio de Bortoli, presidente della Casa Editrice Longanesi e per due volte direttore del Corriere della Sera nonché de Il Sole 24 Ore. Sarà un’occasione per meglio comprendere come una notizia di qualità può migliorare il territorio e quale deve essere il ruolo di un giornalista.

Martedì 7 aprile sarà il turno di Carlo Cottarelli, economista ed editorialista. Cottarelli, attualmente Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani dell’Università Cattolica di Milano, aiuterà i giovani a dare una lettura economica del contesto internazionale attuale e gli scenari futuri in questi tempi così incerti.

I talk sono aperti a tutti e saranno trasmessi sulla pagina Facebook di Attendiamoci ogni martedì alle ore 19: fb.me/attendiamoci

Ecco, è una piccola goccia, una manciata di ore a settimana, è la parte di chi - nonostante la difficoltà del periodo - non vuole fermarsi e non vuole che i giovani si fermino. Una piccola parte, una goccia. Andrà tutto bene!

Articoli Correlati

Una nuova missione nella Terra del Signore

Don Valerio Chiovaro racconta l’inizio del nuovo cammino a Gerusalemme intrapreso con il progetto Kerigma. Accogliere, ascoltare attendere: sono i tre verbi legati a questa esperienza.